Pupo, il periodo buio che l’ha stravolto | Dalla dipendenza ai problemi economici

Pupo racconta la sua dipendenza e lo fa senza peli sulla lingua. Andiamo a capire di cosa non riusciva a fare a meno.

Una vita fatta di successi e di grande notorietà nel nostro paese, ma che non l’ha tenuto lontano da diverse problematiche. Enzo Ghinazzi, in arte Pupo, si è rivelato in alcune interviste e l’ha fatto parlando della sua dipendenza più grande e di altre difficoltà simili. Dei veri e propri guai che hanno portato il cantante di Firenze ad andare in rosso, economicamente parlando.

 

Pupo sorridente davanti ai fotografi
Pupo durante il ‘Giffoni experience’ (GettyImages)

La sua maturità artistica diviene eccelsa quando, nel 1979, esordisce con la canzone ‘Gelato al cioccolato’. Di lì in poi, la serie di successi musicali si susseguono senza freno, rendendolo uno dei cantanti più amati in patria, specie in Toscana. Una vita artistica che sviluppa fino ad arrivare all’exploit, passato dalla canzone ‘Su di noi’ fino ad arrivare alla tenerissima e strappalacrime ‘Tornerò’.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Da piccolo era biondissimo e già malato di musica, suo padre era uno dei Pooh: ecco di chi si tratta

LEGGI QUI: Pupo confessa i suoi problemi con il se**o: non potevo fare a meno di questa cosa

APPROFONDISCI ANCHE: Renato Zero e la storia da brividi con la guardia del corpo: ecco cosa è accaduto

La dipendenza di Pupo raccontata dallo stesso

Pupo ospite del matrimonio di Briatore e la Gregoraci
Pupo durante il matrimonio di Elisabetta Gregoraci e Flavio Briatore (GettyImages)

Il cantante dalla statura bassa racconta di quanto questa abbia influito in alcune scelte prese durante la sua vita. Pupo ha infatti ammesso di aver avuto una vera e propria dipendenza dal sesso dovuta, come gli ha comunicato il suo andrologo, all’alta concentrazione di testosterone insita nelle persone più minute.

Di questo problema, però, sembra averne fatto una ragione di vita, confessando le sue molteplici relazioni e non praticando la monogamia. Con una delle sue donne, dice, è “riuscito a placare questo forte impulso”. In più, un’altra dipendenza l’ha tormentato durante gli anni, quella dovuta al gioco d’azzardo. “Ho persino perso, per i debiti, un hotel, ma poi l’ho riacquistato ad un prezzo che si aggira intorno ai 400 mila euro”, ha affermato.