Damiano dei Maneskin ci mette la faccia: Emma ne esce “distrutta”

Piccata replica del leader dei Maneskin Damiano David che “incenerisce” la sua collega Emma Marrone.

Damiano dei Maneskin all’Eurovision

Il cantante della band vincitrice dell’Eurovision ha rispedito al mittente le insinuazioni di sessismo alla competizione canora europea.

Le accuse di Emma Marrone

“All’Eurovision ai miei tempi mi hanno massacrata per un paio di shorts, a Damiano, torso nudo e tacchi, invece non hanno detto nulla”. Dichiarazioni che hanno immediatamente innescato polemiche nel mondo della musica europea che, l’ex cantante di Amici, non ha esitato a definire sessista. La sua esperienza nel 2014 non fu positiva anche a causa del suo outfit: “Invece che essere sostenuta perché avevo portato un pezzo rock, un atteggiamento non da classica cantante pop italiana, venni massacrata: si parlò solo degli shorts d’oro che spuntavano sotto l’abito e delle mie movenze”.

Leggi qui: Emma e la frecciatina ai Maneskin: “..evidente che c’è sessismo”

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Emma Marrone (@real_brown)

La dura replica di Damiano

Le parole del frontman dei Maneskin Damiano non sono state per nulla tenere ed hanno gettato benzina sul fuoco:

“I commenti sulla mia estetica – ha replicato a Vanity Fair non vanno a insinuare nulla sulla mia professionalità e la mia competenza, mentre le donne sono vittime di questo tipo di pensiero in maniera sistemica”

Il cantante affonda il colpo difendendo la propria arte: “Da maschio sono privilegiato, le molestie che subisco non sono paragonabili a quelle che vive una donna, i commenti sulla mia estetica sono incentrati solo sulla mia estetica e non vanno a insinuare nulla sulla mia professionalità e la mia competenza”.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Måneskin (@maneskinofficial)

“Le molestie che subisco non sono paragonabili a quelle che vive una donna. Certo mi è successo di ritrovarmi dal niente con una che tirandomi a sé per un selfie mi ha iniziato a leccare la faccia… Ma che vuoi, me l’hai chiesto? Il consenso esiste, ed è doveroso”.