Si chiama Penguins Love To Rock, ed è un progetto tutto nuovo che nasce dalle ceneri di Kronic. Visita, commenta, partecipa!
username: password: Registrazione
Condividi
Gli svantaggi dell`immortalità
Maramaldo, tu uccidi un uomo morto!

Gli svantaggi dell`immortalità

Richard Wright, Foster Wallace e gli altri. Attenzione alle santificazioni post-mortem.

di Giancarlo Maero ~ 14/10/2008

Poche settimane fa, a tre giorni di distanza l’uno dall’altro, sono venuti a mancare David Foster Wallace, scrittore, e Richard Wright, musicista. Persone di grandi meriti e conclamata fama. Com’è normale, tempestive e prolifiche le manifestazioni di cordoglio e le espressioni di rispetto e celebrazione: “ci mancherà”, “un giorno triste per la musica”, “ci lascia un genio”, e così via.

Tre espressioni che sembrano prese quasi a caso, tanto sono ovvie. Tre espressioni che, nel guscio linguistico ispessito dall’uso praticamente automatico, nella loro ineluttabile necessità e banalità nascondono tuttavia qualche forzatura e talvolta una disonestà – consapevole o meno – a livello di significato. Ritenete crudele speculare su questi avvenimenti per un cavillo linguistico? In verità la speculazione si alimenta proprio della facile scusa data dalla morte e dalla caratura dei personaggi: chi muore è intoccabile, e per la proprietà transitiva criticare chi ne tesse le lodi viene accusato di gettare fango sul compianto – altra parola che fa sorgere la domanda riguardo a un complemento d’agente, oltretutto. Ma è proprio così?

L’amplesso post-mortem

Perché intendiamoci, non si tratta di sminuire chi è morto, e nella fattispecie i due nomi di cui sopra sono semplice esempio. Si noti però il paradosso di certi modi di dire, primo fra tutti il “ci mancherà”. Chi mancherà, alla fine? L’uomo? L’artista (o politico, o scienziato)? E anzi, innanzitutto chi percepisce realmente tale assenza? E’ persin banale ammettere che la persona umana lasci un vuoto nelle persone che gli furono vicine. Parliamo di personaggi pubblici, tuttavia, e di manifestazioni di lutto da parte di chi mai ha avuto con loro un’interazione affettiva bilaterale. Discutendo della morte di Wright con gente di diversa estrazione – amanti della musica, fan dei Pink Floyd, musicisti – è risultato palese e certo comprensibile quanto sia profondamente umano cercare di riaffermare un vincolo, che unilaterale era e tale rimane, a maggior ragione, dopo il decesso dell’artista. 

E’ in definitiva una manifestazione di ammirazione e di desiderio di un contatto forte e privilegiato in cui al personaggio si sovrappone istintivamente la persona. Un’appropriazione indebita dell’uomo (e su questo torneremo più avanti) e di quanto può essere rimasto di lui che sia al contempo pubblicamente abbastanza accessibile, ma si possa catalogare nella vita privata, nella fisicità del trapassato così da rendere il contatto più speciale. Vedansi in tal senso i pellegrinaggi a cimiteri come il Père Lachaise o ai “luoghi famosi del black metal” in Norvegia, come la panetteria che occupa il luogo dell’Helvete, negozio di Euronymous. Interrogati in merito, i personaggi più o meno coinvolti dal fenomeno del black confermano certe sensazioni. C’è chi riconosce quella sovrapposizione di significati tra l’opera e l’artefice, inconsciamente attuata dai fan. Ma oggi prevale comprensibilmente il desiderio che certi fatti e luoghi siano lasciati a riposare, per decoro se non altro (cfr. “Once upon a Time in Norway”, recensito anche da Kronic).

Immortalità vs Un giorno triste, per cinque minuti

Il caso di Wright è emblematico per un altro motivo ancora, ovvero la perdita dell’artista. A costo di essere draconiani, bisognerebbe osservare che, anche se è vero che il tastierista si è esibito negli ultimi tour di David Gilmour, i tempi creativi dei Pink Floyd sono chiusi nel cassetto del passato. Perciò diversamente dal più giovane e attivo D. F. Wallace, la cui carriera appariva in necessario e continuo divenire, la fama di Wright è scritta. In tutta franchezza, è assai difficile immaginare che sarebbe stata modificata in qualche modo anche se fosse vissuto oltre. E l’abbiamo appena detto, Wright anche se scomparso ha, rispetto all’uomo della strada, l’onore dell’immortalità in grazia della sua produzione passata. Seguendo la logica, chi ci dovrebbe mancare? 

Con tutto il rispetto, non è difficile immaginare cosa sia accaduto in molte, moltissime case dopo la notizia: “The Dark Side of the Moon” esce dal suo posto nello scaffale, e mentre si diffondono in stereo le sue composizioni, uno sguardo pensoso cade sul libretto, a leggere il nome dell’illustre scomparso. Effetto emotivo sincero e garantito. Ma il disco, poi, torna al suo posto. E’ tanto crudele dirlo? Certo non più di quanto non lo sia farlo. E a riprova di ciò un altro, umanissimo commento sentito in relazione a questi tristi fatti è stato: “meglio a lui che a me”. Certo non lo troverete nei coccodrilli sui quotidiani – che poi sono di sicuro i primi a pensarla così.

Come l’asino diventò cavallo

La verità è che se anche possiamo dare per buona la sincerità dei sentimenti da parte degli appassionati, per l’informazione – lasciamo perdere il mercato diretto, ovvero il fatto scontato che dopo la scomparsa di Wright i negozi di dischi non si potevano esimere dal diffondere i Pink Floyd – una morte celebre è un articolo facile e vendibile. Talmente facile che i coccodrilli, i necrologi che appaiono sui media, vengono preparati quando la buonanima respira ancora, se ce n’è la possibilità. Talmente vendibile che ne approfittano tutti. Del resto, un morto non parla più e gli si può mettere addosso qualsiasi vestito.

Ricamare sulla morte di un personaggio famoso frutta subito, quando il pubblico si chiede naturalmente le dinamiche dell’evento. Se poi è una morte violenta, è ancora più facile e distoglie anche l’attenzione dalle note biografiche – che magari il giornalista stesso non conosce troppo bene. Più comodo fare voli pindarici sul male di vivere e propinare mille interpretazioni più o meno verosimili e circostanziate, e francamente a volte nauseanti nella loro banale, impudente ignoranza della sfera privata. Dice bene Massimiliano Parente sul suicidio di Wallace: “non ho idea del perché l’abbia fatto, e se l’ha fatto avrà avuto le sue ragioni come altri le hanno per non farlo, ragioni profonde… Io vorrei solo… riportare il suo corpo al suo vero corpo, quello incarnato dalla letteratura, l’unico su cui posso dire qualcosa” (Libero, 16 settembre 2008).

Il ricamo fa comodo anche a freddo. Si può trattare di puro discredito e di rimestio nel torbido. Negli stessi giorni in cui venivano a mancare Wallace e Wright, si diffondeva la notizia di indiscrezioni su presunti complessi edipici e omosessualità di John Lennon, contenute in una biografia redatta da Philip Norman (“John Lennon: the Life”).

L’appropriazione indebita avviene tuttavia pure remando in direzione opposta: tessere le lodi non provoca indignazione e blandisce un pubblico di fedeli, magari ampliandolo una tantum. Una mesta quanto forte protesta a tal riguardo lo dà la recente lettera ad Andrea Pazienza pubblicata su Il Sole 24 Ore e scritta da Domenico Rosa, giornalista e illustratore che con Paz condivise amicizia e lavoro. Rosa lamentava quanto ormai l’opera di Paz sia stata privata della sua vivacità, della sua carica originale e pungente dalle ripetute celebrazioni che le sono state tributate. Un piromane trasformato in un pompiere. E non è difficile immaginare che se un ribelle come Paz fosse stato vivo, la risposta a certi salamelecchi sarebbe stata un calcio nei denti, quantomeno in punta di penna.

Wright, in quanto parte di un gruppo che ha una storia e una fama collettive, oltre ad essere più in ombra rispetto alle primedonne Gilmour e Waters, sarà probabilmente in gran misura risparmiato dalla riscrittura della propria persona pubblica e privata. Però è da dire: se siete famosi già in vita, avrete la soddisfazione di prevedere per voi un posto nella storia. Ma non potete sapere quale esattamente sarà, anche se voi dovreste essere i primi a conoscerlo. Perciò pensateci bene, prima di morire.

si dice sul forum...

ok lo sciacallaggio emotivo accade, soprattutto se si parla dei media, ma non può essere che nella buona parte dei casi quando muore un artista qualcuno soffra perchè grazie alle sue opere si sentiva legato a lui? Il tuo, giancarlo, mi sembra uno di quei discorsi finto cinici che fanno tanti bloggers che sono contrari a ogni forma di legame tra il sentimento e la musica.
di Junkenstein il 14/10/2008 20.31.51

Ti devo dire la verità: se lo leggi in tal modo, un po' mi spiace, perchè non associo proprio il mio pezzo al classico blog post caustico e cinicamente irriverente, per molti motivi. Intanto perchè se ci fai caso, se al fondo parlo anche di sciacallaggio, nella prima parte l'obiettivo è proprio un altro. Non metto per niente in discussione l'aspetto interiore, non do giudizi morali, ma faccio un'osservazione su un'improprietà linguistica che non si può proprio negare. Ho già notato quando ho scritto un post sotto la notizia del decesso di Wright (che in nuce conteneva il concetto sopra esposto) che però, per una questione di intoccabilità dei morti, le critiche erano malposte, e tendevano a portarsi sul piano emotivo e morale. Facci caso!

In secondo luogo, non mi reputo alla stregua di un blogger che spara a zero: le mie affermazioni sono costruite su una base di DATI: ho parlato con parecchie persone, fatto domande a musicisti, citato giornalisti. Forse il mio pezzo appare spocchioso per questo? Spero di no, perchè un articolo serio dovrebbe sempre essere documentato.

Mi interessa molto l'opinione dei lettori e spero che tu e altri replichiate. Queste non sono recensioni di crust/grind (con tutto il sommo rispetto che ho per il crust) e The Rock Observer, per sua natura, vorrebbe creare discussione.

di Giancarlo Maero il 15/10/2008 10.11.58
non è di spocchia che parlo, quanto di un tipo di posizione. Il distacco verso il decesso del "mito" è una cosa che ho visto proporre proprio da chi tiene certe posizioni. L'ho visto anche in campi extra- musicali, ad esempio quando è morto ledger. C'erano i media e tanti che lacrimavano da coccodrilli come tu giustamente fai notare, ma c'erano molti (tra cui il sottoscritto) che calcolavano la brutta fine (sentita a livello personale per motivi che non sto a spiegare) di un attore giovane e di talento. Nel caso di Richard Wright, poi proprio xché egli non era una rockstar o un volto prettamente mediatico, chi ha espresso il proprio sentito dolore è nella maggior parte dei casi un fan dei Floyd, che forse l'aveva visto suonare dal vivo e che era seriamente colpito dalla sua morte, soprattutto contando che si trattava di cancro, una realtà con cui tanti hanno avuto a che fare. Sentii più sproloqui insinceri su Syd Barrett, che a modo suo era una figura iconica, con gente che sproloquiava sul suo decesso e non aveva mai ascoltato "Piper At the Gates Of Dawn"... Il problema è che a fronteggiare i falsi lacrimanti ci sono pure un sacco di cinici ad ogni costo che seguono la filosofia del "mai amare nessun musicista. i miti non esistono. la musica è businness, etc" e il tuo pezzo, pur scritto ocn ottime intenzioni e documentato, pare uno di quei discorsi, perlomeno a me.
di Junkenstein il 15/10/2008 10.44.26
Bene, l' artista muore, il disco si rispolvera e poi torna nel dimenticatoio.... Un giorno salta per aria un giudice e con lui chi cercava di proteggerlo.... ed ai funerali degli agenti vi vanno in tanti...gente comune che non li ha mai conosciuti, eppure ci vanno....e poi tornano a casa... E' ipocrisia anche questa?
di squilibrium77 il 22/10/2008 22.27.28
Poche cazzate... Richard Wright era e rimane un genio Punto.
di QuarzoNero il 04/11/2008 9.51.12
Poche cazzate... Richard Wright era e rimane un genio Punto.
e questo che stracazzo c'entra con quanto detto nell'articolo!??!?! Cmq completamente d'accordo con Giancarlo.
di Aeon il 05/11/2008 13.20.57
blog comments powered by Disqus
Creative Commons License