Elon Musk prende distanze dalla sua azienda: Una cosa stupida comprare quei Bitcoin

Il passo indietro di Elon Musk che dopo il miliardario investimento in Bitcoin si pronuncia in maniera polemica sulla moneta digitale.

GettyImages-bitcoin
GettyImages-bitcoin

Elon Musk pare che voglia prendere le distanze dall’acquisto della Testa in Bitcoin. Changpeng CZ Zhao, il fondatore e CEO di Binance, ha rilasciato alcune dichiarazioni a Bloomerg. Nell’intervista si è detto sorpreso delle parole di Musk e del suo interesse per Dogecoin, in quanto con Tesla ha scommesso invece 1,5 miliardi di dollari su Bitcoin.

Il botta e risposta di Elon Musk

GettyImages-elon musk
GettyImages-elon musk

Alle dichiarazioni di Zhao ha risposto direttamente Elon Musk attraverso il suo profilo Twitter: “L’iniziativa di Tesla non riflette direttamente la mia opinione. Avere un po’ di Bitcoin, che è semplicemente una forma di liquidità meno stupida del contante, è abbastanza avventuroso per un’azienda S&P500”. Però, questo tweet, è risultato abbastanza criptico.

Infatti, il CEO di Tesla è Elon Musk stesso, pertanto è molto probabile che la decisione di investire 1,5 miliardi di dollari in bitcoin sia stata approvata da lui. D’altra parte, il CFO della società è Zach Kirkhorn, quindi si potrebbe ipotizzare che l’iniziativa sia partita da lui. Ma, difficilmente, tale importante decisione non sia passata dal consenso del CEO.

Leggi qui —> Vende tutto per comprare bitcoin: ecco ora cosa fa

Approfondisci anche —> Tesla fa i numeri veri: utile pazzesco

Leggi qui —> Maxi investimento di Tesla in Bitcoin: mai nessuno come Elon Musk

Il caso e la presa di posizione

GettyImages-elon musk (1)
GettyImages-elon musk

Però, è da sottolineare che dal 2017, un gruppo di importanti investitori Tesla chiese alla società di aggiungere due membri indipendenti al consiglio di amministrazione. Tale richiesta fu fatta in modo che l’amministrazione prendesse delle decisioni in autonomia rispetto allo stesso Elon Musk.

Va detto, infatti, che ultimamente si è fatta molta confusione tra le iniziative finanziarie di Musk e quelle di Tesla. A chiarire questo punto ci ha pensato proprio il CEO della Tesla, che in un tweet successivo ha dichiarato: “Per essere chiari, non sono un investitore, sono un ingegnere. Non possiedo nemmeno azioni quotate in borsa oltre a quelle di Tesla. Tuttavia, quando la valuta fiat ha un interesse reale negativo, solo uno sciocco non guarderebbe altrove. Bitcoin è quasi quanto il denaro fiat. La parola chiave è “quasi””.

Pertanto, potrebbe essere che Musk, con le prime dichiarazioni, non volesse prendere le distanze dall’iniziativa della società di investire 1,5 di dollari in bitcoin, ma dal fatto che questa venga considerata una sua decisione personale. Insomma, il tutto ancora da chiarire con il fondatore di Tesla che riesce però a rendersi sempre protagonista.