Marisa Laurito da Serena Bortone lascia senza parole: “Avevo la febbre…”

Marisa Laurito, brillante cabarettista, cantante e conduttrice partenopea, nota per la sua amicizia con Renzo Arbore. Si è raccontata nel salotto di Serena Bortone 

Durante la puntata di ieri del programma di Rai 1, Oggi è un altro giorno, condotto da Serena Bortone, c’è stata in studio un ospite molto apprezzato per la sua passionalità, originalità e talento: Marisa Laurito.

LEGGI QUI>>> Serena Bortone e Vittoria Schisano sull’identità di genere: è guerra

La vulcanica conduttrice, cabarettista, cantante e conduttrice, abbiamo avuto modo di conoscerla in diversi programmi di punta di mamma Rai.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Marisa Laurito Official (@casalaurito)

 

Marisa acquisisce molta popolarità lavorando a fianco di Renzo Arbore in Quelli della notte (1985) e con Raffaella Carrà nello show di prima serata Buonasera Raffaella andato in onda tra il 1985 e il 1986; in seguito ha riscosso successo in qualità di conduttrice in trasmissioni come Marisa la nuit del 1987 (sempre sotto la guida di Arbore) e nell’edizione 1988-1989 di Domenica in, diretta da Gianni Boncompagni, dove cantava anche la sigla Ma le donne, riscuotendo molto successo.

LEGGI QUI>>> Pippo Baudo prende una decisione strabiliante: “Lo farò in diretta tv”

Ha anche presentato due edizioni del varietà del sabato sera di Rai 1 a Fantastico: la prima accanto ad Adriano Celentano, Heather Parisi, Massimo Boldi e Maurizio Micheli e la seconda accanto a Pippo Baudo, Jovanotti e Giorgio Faletti.

Come cantante ha partecipato al Festival di Sanremo del 1989, con la canzone pop-demenziale Il babà è una cosa seria.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Marisa Laurito Official (@casalaurito)

Il successo televisivo è culminato nel 1989 con la vittoria del Telegatto come personaggio televisivo femminile dell’anno.

LEGGI QUI>>> Jerry Calà,Mara Venier e il ritorno di fiamma: “Amore mio”

Marisa Laurito e gli amori della sua vita

Dopo aver coltivato per molti anni la sua brillante carriera a teatro e in televisioneMarisa Laurito non sembrava aver alcuna intenzione di sposarsi. Ma qualcosa è cambiato quando ha incontrato Franco Cordova: ex calciatore di grande successo. Era il 2001 quando Marisa e Franco hanno pronunciato il fatidico sì, dopo appena 7 mesi di frequentazione. L’anno seguente erano già separati, a causa di inconciliabili visioni della vita coniugale.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Stefano (altkurtz88

Ma solo pochi mesi dopo un altro uomo è entrato nella sua vita, e questa volta si è rivelato essere quello giusto. Pietro Perdini, imprenditore ligure in pensione, ha fatto breccia nel cuore di Marisa Laurito sin dal primo istante. Si sono conosciuti nel 2002, grazie a Renzo Arbore che li ha fatti incontrare. Per conquistarla, Pietro non ha fatto altro che baciarle la mano e dirle: “Mio padre è un suo grande fan”. Da quel giorno non si sono più lasciati, e la loro storia si fa sempre più solida.

L’attrice ha parlato anche del suo noto rapporto d’amicizia con Luciano De Crescenzo, una persona alla quale era molto legata tanto da potersi pure innamorare, ma non è mai successo. “Mai avrei potuto avere una storia d’amore con lui perché mi faceva ridere”.

La scoperta di Marisa Laurito

Ho fatto l’ipnosi regressiva” ha detto, e dopo questa scoperta ha anche risolto alcuni problemi di salute. Stava sempre male prima del debutto al teatro, aveva la febbre. Così andò da un medico che le propose di fare l’ipnosi regressiva. Scoprì così che in un’altra vita fu una donna con molti sensi di colpa perché testimoniò a una processo a favore di un uomo accusato ingiustamente.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Oggi è un altro giorno (@altrogiornorai1)

La testimonianza però non fu utile per l’assoluzione dell’innocente. “Non avevo testimoniato bene e non ero riuscita a salvarlo” ha detto. Sensi di colpa che si sono riversati nella sua vita con la febbre e mal di gola, malanni superati dopo qualche esercizio.