‘GfVip’, Katia Ricciarelli nella bufera | Arriva lo stoccata di Malgioglio

Katia Ricciarelli nella bufera dopo alcune sue dichiarazioni rilasciate durante le prime puntate del Grande Fratello Vip 6.

Katia Ricciarelli nella bufera dopo le sue parole considerate omofobe proferite al GF Vip 6

Scivoloni che sono costati alla cantante numerose critiche da parte di tanti colleghi dello spettacolo che non hanno affatto gradito le uscite della Ricciarelli. Nel mirino, in particolare, una frase omofoba pronunciata dall’artista nei confronti del concorrente Alex Belli e della sua camicia variopinta.

‘GfVip’, Katia Ricciarelli nella bufera | Arriva lo stoccata di Malgioglio

Katia Ricciarelli, vista la casacca indossata da Belli, lo ha apostrofato con una frase omofoba che non è piaciuta. In particolare, ad attaccare il soprano è stato nelle scorse ore Cristiano Malgioglio dal suo profilo twitter

Cara Katia, volevo ricordarti che i gays non indossano solo camicie colorate ,ma anche delle immense corazze come tutti gli esseri umani. Mi dispiace di questa tua scivolata…certamente non buon gusto. Anzi!

Queste le parole di Malgioglio con le quali ha bacchettato pesantemente Katia Ricciarelli la cui uscita infelice è stata motivo anche di altre polemiche.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da New INSTA (@katiaricciarellireal)

Le parole di Cristiano Malgioglio su twitter hanno trovato il riscontro anche in diversi followers infastiditi, al pari del paroliere e cantautore, dalle parole di Katia Ricciarelli. Su di lei il giudizio degli spettatore sembra essere impietoso e piuttosto negativo.

A nessuno è piaciuto il modo in cui ha iniziato questa nuova edizione del Grande Fratello Vip e molti gli rimproverano di essere già al terzo scivolone che, certamente, una donna dello spettacolo della caratura della Ricciarelli non dovrebbe commettere.

Potrebbe interessarti anche: Cristiano Malgioglio, dolore lancinante per la scomparsa della showgirl: “Sono disperato”

Cristiano Malgioglio non ha alcuna intenzione di far passare in televisione ulteriori commenti e battute del genere che, a suo parere, non rendono giustizia per quella che è la realtà dove, al di là degli orientamenti e gusti sessuali, tutti gli uomini dovrebbe essere considerati alla stessa stregua.