Virginia Raffaele, gli anni difficili dell’infanzia: “Parecchio presa in giro”

Virginia Raffaele racconta la sua infanzia difficile in cui veniva presa di mira dagli altri. Ecco cosa è successo nella sua vita.

 

Virginia Raffaele è una comica romana che ha conquistato molti palcoscenici importanti. La sua fama è iniziata quando ha deciso di fare le imitazioni di personaggi noti dello spettacolo, quali Ornella Vanoni, Belen Rodriguez, Malika Ayane e moltissime altre. Partecipa a Quelli che il calcio, Amici di Maria De Filippi, ma anche Ballarò. Successivamente, viene scelta da Carlo Conti per condurre le serate del Festival di Sanremo.

Virginia Raffaele
Virginia Raffaele ad un evento di Vanity Fair – Getty Images

Subito dopo è la protagonista di uno show tutto suo chiamato Facciamo che io ero su Rai Uno. La comica vanta anche alcune esperienze in fiction televisive, quali Il maresciallo Rocca e L’onore e il rispetto. Ha partecipato insieme a Claudio Baglioni e Claudio Bisio nuovamente al Festival di Sanremo. Nel corso della sua carriera, non si dimenticano neanche le sue performance a teatro, che le ha dato tante soddisfazioni.

Vediamo nel dettaglio cosa ha raccontato l’imitatrice per quanto riguarda la sua infanzia. Ecco cosa ha detto.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —> Virginia Raffaele e l’enigmatica dichiarazione: “Ho fatto testamento”

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —> Claudio Bisio e il duro momento: bloccato in casa e senza via d’uscita

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —> Fabio Fazio e la dedica/rivelazione da lacrime alla leggenda: “Con lui ho fatto..”

Virginia Raffaele si confessa e racconta come ha trascorso la sua infanzia

Virginia Raffaele
Virginia Raffaele sul palco del Festival di Sanremo – Getty Images

Intervistata dal settimanale Vanity Fair, Virginia Raffaele ha raccontato la sua vita in breve. In particolare, ha sottolineato il fatto che da piccola venisse presa in giro. I suoi genitori avevano in proprietà un parco giochi e lei era sempre emarginata dagli altri bambini a causa di alcune caratteristiche fisiche. “Ero “quella delle giostre”. Davo i pesci rossi a chi li vinceva. Finivo i compiti sulle panchine. Buffa mio malgrado. Presa in giro parecchio: gambe lunghe, corpicino, sempre qualcosa fuori posto” ha raccontato l’imitatrice.

Anche durante l’adolescente la comica romana si è sempre sentita fuori dalle esperienze che, invece, caratterizzavano i suoi coetanei. Persino il primo bacio lo ha dato al lunapark. “Eravamo aperti sempre, festivi compresi. C’era da faticare. Sentivo il peso della responsabilità. Niente cazzate come droga, fumo, alcol o mega vacanze con le comitive. Primo bacio sotto al Brucomela” ha confessato.

Ora è una vera stacanovista, lavora moltissimo e tende ad essere molto critica con se stessa. Infatti, la sua comicità è frutto di ore ed ore di studio del personaggio.