Michele Cucuzza, la patologia improvvisa: “Mi sono rovinato…”

Michele Cucuzza colpito da una patologia improvvisa: ecco cosa è successo, i dettagli e le curiosità della vicenda

Michele Cucuzza, classe 1952, è un noto giornalista, conduttore radiofonico e televisivo ed è uno dei volti storici del Tg 2 e insieme al tg ha condotto svariati programmi molto seguiti dal pubblico come UnoMattina, la vita in diretta e Segreti e Bugie. La sua carriera comincia in Sicilia al quotidiana Catania Sera, per poi proseguire con il quotidiano Il Giorno e con l’ufficio stampa del sindacato UIL. Egli si laurea in Lettere moderne all’Università degli Studi di Milano, divenendo giornalista professionista, iscritto all’Ordine dei Giornalisti del Lazio nel 1979.

 

Michele sorride
Curiosità (foto web)

Nel 1983, egli comincia a lavorare in Rai, presso il quale viene assunto come redattore e, fino al 1988, realizza servizi e collegamenti per le varie testate del servizio pubblico, radiofoniche e televisive, seguendo alcune vicissitudini importanti come il caso Tortora, dalle vicende del Banco Ambrosiano, alla morte di Michele Sindona, all’alluvione in Valtellina.

Successivamente viene chiamato a Roma, nel 1988 a condurre il Tg2, ed è anche un inviato estero realizzando i principali servizi e collegamenti e speciali dalla Francia, Polonia, Ungheria, Repubblica Ceca, Arabia Saudita, Stati Uniti, India e seguendo i principali eventi sociali e politici e del periodo. Oltre il Tg2, ha condotto Cronaca in diretta al 2 aprile al 29 maggio 1998 su Rai 2, successivamente il programma che gli ha dato maggiore notorietà che ha condotto dal 1998 al 2008, La vita in diretta.

Egli è legato sentimentalmente Rosanna Caltizzone un medico estetico per la precisione e ha due figlie Matilde e Carlotta che abitano rispettivamente in due città diverse e Michele si divide tra Milano e Roma. Le due ragazze non hanno la stessa mamma ma sono molto unite, tanto che Matilde ai microfoni di Vieni da me dichiarò: “Con mia sorella ho un rapporto bellissimo e per questo devo dire grazie a papà perché pur avendo due mamme diverse ci ha tenuto unite”.

Il giornalista e conduttore è stato colpito da una patologia che lo ha molto spaventato.

LEGGI QUI>Michelle Hunziker cambia tutto, lo scatto lascia i fan senza parole: “Le grandi rivoluzioni…”

LEGGI QUI>Antonino Cannavacciuolo, panni inediti | La rivelazione su quello che avrebbe fatto senza la cucina

Michele Cucuzza e la patologia che lo ha spaventato

Michele Cucuzza serio
Lo spavento (foto web)

In una lunga intervista egli ha dichiarato che la parte più importante del corpo a cui lui è molto attento, sono gli occhi ma il giornalista sin da giovane ha sempre usato le lenti a contatto e, questo ha provocato molte volte arrossamenti anche se si utilizzano le giuste precauzioni, ma in estate è successo un episodio che ha preoccupato molto Michele.

Egli ha raccontato: “Mi trovavo al mare, a Gaeta, ospite di alcuni amici. Dopo un’intera giornata trascorsa in spiaggia, mi è comparso quello che pensavo essere uno dei soliti arrossamenti oculari C’è da dire che i medici mi hanno sempre raccomandato di espormi ai raggi Uv solo con gli occhiali da sole. Ma posso abbronzarmi «a pezzi», avendo poi per tutta l’estate il segno degli occhiali «tatuato» sul viso? Onde evitare questo inconveniente, di solito chiudo gli occhi quando prendo il sole e pazienza: dovesse comparire qualche irritazione oculare so come gestirla” aggiungendo di essersi rovinato la vacanza poiché ha dovuto rinunciare al mare, allo sport e all’aria condizionata che doveva chiedere di spegnerla sia a casa che nei ristoranti.

Ha continuato il racconto affermando che il giorno seguente aveva gli occhi color brace tanto da preoccupare qualunque tipo di persona lo incontrasse: “ Avevo una congiuntivite estremamente pervicace e il medico mi ha prescritto un collirio contenente il principio attivo idrocortisone sodio fosfato. Ho iniziato a prenderlo quotidianamente e, dopo circa una ventina di giorni, l’occhio ha cominciato a essere meno rosso e poi, finalmente, a sbiancare. Credo che, complessivamente, questo disturbo sia durato un paio di mesi, da quando si è manifestato fino a quando è sparito del tutto”. 

Lo spavento è stato tanto ma per il giornalista è acqua passata.