Arisa, la malattia che l’ha messa alle strette e il duro avvertimento: “Guai a chi fiata!”

La cantante Arisa e la malattia che l’ha messa alle strette, l’appello: ecco cosa è successo, i dettagli e le curiosità

Arisa, pseudonimo di Rosalba Pippa, classe 1982, è una cantante e un personaggio televisivo italiano che ha raggiunto il successo partecipando al 59º Festival di Sanremo nel 2009 con il singolo Sincerità, vincitore della categoria “Nuove Proposte”. Nel corso della sua carriera si aggiudica per ben due volte la vittoria  al Festival di Sanremo, trionfando nella categoria “Campioni” con il brano Controvento. Ha inoltre partecipato, nel 2010 con Malamorenò , nel 2012 classificandosi seconda con La notte, vincitore di un Sanremo Hit Award come singolo sanremese più venduto di quell’edizione, nel 2016 con Guardando il cielo, nel 2019 con Mi sento bene e nel 2021 con Potevi fare di più. 

 

Arisa capelli lunghi
Curiosità (foto web)

Nel corso della sua carriera ha ottenuto vari riconoscimenti quali un Premio Assomusica e un Premio della Critica “Mia Martini” al Festival di Sanremo 2009, un Premio Sala Stampa al Festival di Sanremo 2012, due Wind Music Awards, un Venice Music Awards, un Premio Lunezia e un Premio TV – Premio regia televisiva, oltre ad una candidatura al Premio Amnesty Italia e due al Nastro d’argento nella categoria migliore canzone originale, rispettivamente nel 2017 per Ho perso il mio amore e nel 2018 per Ho cambiato i piani.

Sin da piccola ha iniziato ad appassionarsi di musica ma prima del successo svolge diversi mestieri come cameriera, cantante di piano bar, baby sitter, parrucchiera, donna delle pulizie ed estetista fino a poche settimane prima del suo esordio a Sanremo. Quando vince il suo primo Sanremo viene scritturata come un personaggio che ha colpito immediatamente il pubblico tanto da affermare: “La canzone Sincerità viene arricchita dal personaggio Arisa che ha saputo creare un rapporto immediato con il pubblico. Nell’esibizione con il Maestro Luttazzi, Arisa ha dimostrato di saper calcare il palco con semplicità e dimestichezza adattandosi perfettamente all’atmosfera dell’arrangiamento swing del brano”. 

Ella ha dichiarato di aver subito da piccola episodi di bullismo perché agli occhi degli altri era considerata “strana”: “Mio padre ha sempre avuto gli animali e capitava che portasse a pascolare le pecore vicino alla strada dove passava l’autobus con i miei ‘amici’. Che hanno iniziato a chiamarmi pecora, a dirmi che puzzavo…”. 

Ha inoltre dichiarato di essersi sottoposta a più di un intervento di chirurgia per piacere agli altri: “Ero alla ricerca di un modello di perfezione che mi stava mettendo in difficoltà. Passavo il tempo a guardarmi allo specchio. Ho iniziato a fare delle punturine, mi sono lasciata prendere. Vedevo un sacco di chirurghi che mi dicevano: è proprio sicura?”.

Ha una malattia che da poco ne ha parlato in pubblico svelando di cosa si tratta.

LEGGI QUI>Alba Parietti e la rottura con Franco Oppini: la verità sulla loro separazione | In pochi l’avevano capito

LEGGI QUI>Ricordate Ludovico Fremont? Star de ‘I Cesaroni’, ecco che fine ha fatto

La malattia di Arisa

Arisa primo piano
La malattia (foto web)

Arisa ha deciso di svelare il perché dei suoi continui cambi look, indossando delle parrucche non per vergogna ma per un cambiamento positivo.

La cantante in una intervista aveva svelato di soffrire di tricotillomania, una malattia che porta a toccarsi sempre i capelli fino a strapparseli affermando: “Soffro di tricotillomania. Ecco perché non mi faccio mai crescere i capelli, quando ce li ho, me li stacco”. 

Sui social ha comunicato ai suoi followers di voler farsi crescere i capelli affermando: “Da oggi indosserò questa parrucca fino a quando non mi crescono i capelli. Guai a chi fiata. Nella cultura afroamericana quasi tutte le donne indossano parrucche. Anche Naomi Campbell, quindi posso farlo anch’io”.