Bitcoin, la strana presa di posizione dalla Russia: “Tutto falso”

Una presa di posizione da parte della Russia sui Bitcoin getta nuove ombre sulle criptovalute. Ecco cosa sta succedendo, ma attenzione: non è come sembra.

Bitcoin
Moneta di Bitcoin – Getty Images

Il mercato dei Bitcoin sta vivendo un momento di forti scosse. Da quando Elon Musk ha deciso di non includere questa valuta nella sua azienda di auto elettriche, Tesla, le sue quotazioni sono scese vertiginosamente. Ha chiuso il mese di Maggio in maniera così negativa, come non succedeva dal 2011, quindi, da ben dieci anni.

Inoltre, ci sono alcuni Stati che hanno deciso di bandire il mining di questa cripto nel loro paese a causa degli ingenti costi di produzione e anche a livello di impatto ambientale. Ora una nuova dichiarazione rischia di mettere ko il Bitcoin, già fortemente compromesso da un mese a questa parte, ma non è tutto come sembra. Vediamo nel dettaglio cosa è successo nel dettaglio.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —> Bitcoin, uno Stato è pronto a renderlo moneta reale: è rivoluzione

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —> Bitcoin nei guai, ora c’è un’altra moneta che sta prendendo il sopravvento: ecco quale è

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —> Elon Musk scarica Bitcoin, ma gli costa caro: non è più il secondo più ricco al mondo

La Russia considera falsi i Bitcoin: l’incredibile dichiarazione che, però, cela dietro una decisione importante

Banca russa
Bancomat della banca russa Vtb – Getty Images

La Russia ha dichiarato apertamente che considera i Bitcoin denaro falso. Fino a questo momento, lo Stato non si era mai pronunciato sulla criptomoneta. Tuttavia, ora un direttore di una banca russa ha cambiato le carte in tavola uscendo allo scoperto. Si tratta di Andrey Kostin, il Direttore della banca russa Vtb, che nel corso di un’intervista ha dichiarato di paragonare i Bitcoin alla stampa di denaro falso.

Ad ogni modo, nonostante questa sua affermazione, ha detto che effettuerà con la sua banca dei test su una blockchain a partire dall’anno prossimo. Quindi, c’è uno spiraglio di apertura nei confronti del mondo delle criptomonete. Inoltre, sostiene che le previsioni parlano chiaro: saranno i Bitcoin la moneta del futuro. Si tratta, quindi, di un’importante passo in avanti per la Russia, nonostante il no pronunciato da Vladimir Putin sulla questione nel 2020.

La Russia si aggiunge agli altri Paesi il Giappone e la Svezia che portano avanti sperimentazioni sulla stablecoin, così come la Cina che ormai è prossima a lanciare la sua moneta virtuale: lo yuan digitale. Staremo a vedere come si evolverà la situazione in Russia.