Antonino Cannavacciuolo: dalla brutta denuncia ai problemi di salute | Come sta

Antonino Cannavacciuolo nel corse della sua onorata carriera purtroppo è stato protagonista anche di alcuni spiacevoli episodi

Antonino Cannavacciuolo (Instagram)

Antonino Cannavacciuolo nacque in provincia di Napoli il 16 aprile del 1975 ed è un cuoco nonché un famosissimo personaggio televisivo. Studia presso una scuola del suo paese all’indirizzo alberghiero, in cui si diploma nel 1994.

Dopo le prime esperienze nella penisola sorrentina, segue periodi di stage in due ristoranti francesi nella regione dell’Alsazia l’Auberge dell’Ile d Illhaeusern e il Buerehiesel di Strasburgo. Lavorò anche nel Grand Hotel Quisisana di Capri, sotto la direzione di Gualtiero Marchesi.

Nel 1999 assume insieme alla moglie la gestione della dimora storica Villa Crespi, in cui ricopre il ruolo di chef patron. La sua cucina in poco tempo diventa famosissima si aggiudica così la prima stella Michelin nel 2003.

Nel 2006 riesce a conquistare la sua seconda stella, mentre dal 2012 Villa Crespi, dotata di hotel e ristorante, entra nel circuito retails e chateaux. Con il passare degli anni divenne famoso al pubblico da casa per i molti programmi televisivi a cui ha preso parte, ovviamente sempre a tema culinario.

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Antonino Cannavacciuolo (@antoninochef)

Non ci sono solo i successi nella sua vita. Cannavacciuolo è stato protagonista anche di episodi non proprio fortunati.

Leggi anche -> Clementino dalla comunità per tossicodipendenti al successo: ecco cosa fa oggi

Leggi anche -> Edoardo, figlio di Alberto Angela: dalla notorietà obbligata al furto | Ecco chi è

Antonino Cannavacciuolo, la denuncia ed i problemi di salute: come sta oggi

Un semplice asterisco, questo stava offuscando la stella, anzi potremmo dire le stelle, del famoso chef. Ci fu una denuncia dei Nas a causa di alcuni asterischi mancanti che segnalavano che il cibo venduto fosse congelato.

Questo avveniva in un suo bistrot di Torino. Cinzia Primatesta, sua moglie nonché amministratore della CA. Pri società che gestisce i ristoranti di Cannavacciuolo e Giuseppe Savoia direttore del ristorante dovevano rispondere al giudice per le indagini preliminari.

Tuttavia il GIP Riccardo Riccardi non ha ravvisato le irregolarità citate dal pubblico ministero ed ha dichiarato Cinzia estranea ai fatti e Giuseppe Savoia innocente. I carabinieri il giorno del controllo si complimentarono per l’impeccabile stato della cucina disse il direttore.

Non fu l’unico problema sorto per lo chef, il quale dovette fare i conti con cose ben più gravi. I problemi causati dai chili in eccesso rischiavano di compromettere la sua salute. In un’intervista al settimanale Oggi dichiarò di essere arrivato a pesare anche 155 chili.

Decise così di comprarsi un tapis roulant e di stare più attento durante i pasti, senza rinunciare a niente ed i risultati si vedono. Ad oggi il cambiamento è sotto gli occhi di tutti, certo non è “uno smilzo”, ma dopotutto il detto non dice forse “Mai fidarsi di un cuoco magro”?

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Antonino Cannavacciuolo (@antoninochef)

Oltre ad essere dimagrito continua ovviamente la sua attività televisiva. Dopo Masterchef (di cui è ancora un giudice) infatti ha continuato a girare programmi basati sulla cucina su Sky, come Antonino Chef Academy e Family Food Fight.