Massimiliano Rosolino, la battaglia della moglie Natalia: “Mi stava mangiando un osso”

Massimiliano Rosolino racconta la malattia della moglie Natalia Titova. Ecco di cosa si tratta.

 

Massimiliano Rosolino è un ex nuotatore, campione olimpionico e mondiale. Dopo la carriera nel mondo del nuoto ha iniziato quella per televisiva. Oltre ad essere il commentatore delle gare di nuoto, ha partecipato a Ballando con le stelle e al reality game Pechino express – Obiettivo Bangkok. Inoltre, è stato inviato all’Isola dei famosi, condotto da Ilary Blasi su Canale 5.

Massimiliano Rosolino
Massimiliano Rosolino – Getty Images 

L’ex nuotatore ha iniziato una relazione sentimentale con Natalia Titova, conosciuta a Ballando con le stelle. La coppia ha avuto due figlie, Sofia Nicole e Vittoria Sidney. Tuttavia, in pochi sanno che la compagna Titova sia affetta da un grave problema di salute. Ecco di cosa si tratta.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —> Massimiliano Rosolino ha una sorella, Vanessa: i due sono la fotocopia uno dell’altro: ecco chi è

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —> Massimiliano Rosolino e la separazione con Roberta Capua: ecco la verità dopo anni

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —> Natalia Titova e la brutta malattia: ecco il motivo per cui ha smesso di ballare

Natalia Titova, compagna di Massimiliano Rosolino, racconta la sua malattia: ecco cosa è successo

Titova
Natalia Titova (immagine presa dal profilo Instagram)

Natalia Titova, ballerina e compagna di Massimiliano Rosolino, soffre fin da piccola di una malattia chiamata osteomielite. L’ex coach di Amici di Maria De Filippi ha raccontato in prima persona cosa fosse: “Sono nata con un ginocchio che non si muoveva, volevano mettermi un gesso ma mia nonna ha deciso di farmi visitare da un grande professore. Lui ha detto che dovevano operarmi immediatamente perché avevo un’infezione che mi stava mangiando l’osso“.

Ed in questi anni è stato proprio il partner Massimiliano Rosolino a starle accanto. Inoltre, la ballerina ha sempre tenuto a ringraziare la sua famiglia per quello che ha fatto quando era piccola: “Devo ringraziare i miei genitori e lo farò per tutta la vita. Sono nato con un piccolo problema al ginocchio, mi fu vietata ogni tipo di attività sportiva. Ho rischiato anche di perdere la gamba, per sedici anni sono stata dal medico due volte l’anno per farmi visitare”.

La ballerina ha passato anni difficili, ma, pur di seguire il suo sogno, è andata contro i suoi limiti fisici. La sua passione per la danza nasce da quando era piccola. Arriva in Italia e ha un successo incredibile in qualità di maestra di ballo arrivando anche a vincere l’edizione con Emanuele Filiberto di Savoia. Un vero esempio di dedizione.