Conto corrente, occhio a lasciare troppi soldi: ci sono diversi rischi

Attenzione a lasciare molti soldi sul vostro conto corrente. Ecco perché è importante tenere la situazione sotto controllo.

Bancomat
Persone che effettuano prelievi al bancomat – Getty Images

Sono molti gli italiani che hanno un conto corrente in Italia e conservano su di esso i risparmi di una vita. Ad ogni modo, però, conviene non concentrare tutte le risorse su un unico conto. I motivi verranno spiegati in seguito.

Per quanto riguarda le banche o la posta, i costi di commissione stanno diventando sempre più alti e ci sono clausole imposte per i cosiddetti conti che non sono in movimento, ossia tutti quei conti che vengono usati semplicemente come deposito, ma che detengono molti soldi.

Ad ogni modo, ora c’è un alto rischio di doverli togliere se abbiamo molto denaro depositato. Vediamo nel dettaglio il motivo.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —> Dove depositare lo stipendio? La scelta più conveniente (e non è il conto corrente) 

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —> La nuova tassa inaspettata: chi ha un conto corrente deve tremare

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —> Blocco agli sportelli, niente bancomat: ecco chi sarà colpito dal provvedimento

Perché conviene non avere molti soldi sul proprio conto corrente? Ecco i rischi da non sottovalutare

Euro
Sede centrale dell’Euro – Getty Images

Avere molti soldi sul proprio conto corrente può essere controproducente. Avere molto denaro significare andare incontro nella maggior parte dei casi ad un’imposta di bollo. La situazione del lockdown, inoltre, ha peggiorato la situazione, visto che sono diminuiti i consumi e i risparmi sono aumentati. Le banche sono solite non offrire nessun tipo di interesse per quei conti corrente che sono usati semplicemente come deposito. Anzi, chi supera i 100mila euro di deposito, può vedere il proprio conto chiuso. Questo perché non produce nessun interesse, quindi, la banca non ne guadagna. In tutto questo marasma, poi, c’è da considerare che l’inflazione è in salita.

Secondo alcune voci di corridoio, però, ci sarebbe in cantiere una nuova riforma fiscale che potrebbe regolare proprio questo tipo di conto corrente. L’ultima Riforma risale al Governo Amato del 1992, quindi, potrebbe essere il momento giusto per attuarla.

Ad ogni modo, conviene non riporre i propri risparmi all’interno di un unico conto corrente, ma di scaglionarli e di cercare di non renderli immobili. Anche perché, come si può evincere, la situazione di stallo non conviene neanche alle banche che, di solito, fanno valere i propri interessi senza pensarci due volte. Quindi, fate attenzione a tutti i vostri risparmi e al modo che avete scelto per metterli da parte.