Mara Maionchi e il dramma del brutto male: l’ho scoperto così

Mara Maionchi ha parlato del brutto male che l’ha colpita rivelando come è stato scoperto. Ecco i dettagli e le curiosità della vicenda

Mara sorride
Curiosità sulla simpatica Mara (foto web)

Mara Maionchi, nata nel 1951 sotto il segno del Toro, è una talent scout e discografica del panorama musicale italiano, a cui molti big della musica italiana devono a lei il loro successo. Molti la conoscono come personaggio televisivo, in quanto ella ha partecipato ad alcuni programmi musicali in qualità di giudice come X Factor e Amici di Maria De Filippi. 

Mara si è sempre definita come una donna libera e ribelle, rivelando che sua mamma non è andata al suo matrimonio con Alberto Salerno, sostenendo che i matrimoni in generale le mettessero tristezza. Ella è stata un importante talent scout, ha scoperto i talenti che oggi definiamo big della musica come Gianna Nannini e Tiziano Ferro. In occasione di un’intervista a Venus Club, programma condotto da Lorella Boccia, la discografica in compagnia di Iva Zanicchi hanno avuto il ruolo di opinioniste dello show.

La Maionchi nel corso dell’intervista, ha rivelato tantissimi dettagli circa il suo lavoro da discografica e soprattutto segreti su alcuni talenti che ha scoperto nella sua lunga carriera, ricordando il primo incontro con Gianna Nannini affermando: “Venne da me con una raccomandazione di uno importante di Siena e io pensai ‘mamma mia, che pa**e la solita raccomandata’ e invece questa ragazza si siede al pianoforte per farmi sentire una sua composizione… devo dire che la composizione era terribile, ma lei aveva questa timbrica di voce e un modo di suonare che non era tradizionale”; Mara rimase colpita dalla sua voce particolare tanto da prenderla perché convinta che con la sua musica avrebbe potuto fare strada.

Ha anche rivelato qualche retroscena circa il rapporto con Tiziano Ferro confessando: “Aveva una timbrica di una bellezza fondamentale, aveva qualcosa di particolare, lo rincorremmo e firmammo un contratto di produzione. Trovammo la squadra e nacque ‘Non me lo so spiegare’, quando la sentimmo, capimmo che era nata una stella“. 

Mara ha dovuto affrontare un periodo buio della sua vita, dovuto alla scoperta di due tumori che erano allo stadio iniziale e ha raccontato come ha affrontato questo periodo.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Mara Maionchi (@realmaramaionchi)

LEGGI QUI>Avete mai visto dove vive Mara Maionchi? La sua casa è un tripudio di buon gusto

LEGGI QUI>Mara Venier e l’incontro di Mara Maionchi con il marito: “Anche dal mio Nicola…”

La malattia di Mara Maionchi

Occhiolino Mara Maionchi
La malattia che ha colpito la discografica (foto web)

Mara Maionchi ha parlato della sua malattia, ossia il cancro, ad entrambi i seni, scoperti allo stadio iniziale. Ha scoperto di essere malata grazie ad un sogno: “L’ho scoperto grazie a un sogno particolare che ho fatto. Non si sentiva niente e non si vedeva niente. Il sogno che ho fatto mi ha messo in guardia, mi ha portato a chiamare l’oncologo, a fare un esame e a trovare il problema”. 

La diagnosi iniziale ha fatto molta paura a Mara che ha rivelato: “Non avevo familiarità, perché né mia mamma né mia nonna avevano avuto problemi. Però, è brutto da dire, quando una persona invecchia inizia ad aspettarsi qualcosa. Io sono stata anche più fortunata di altri, ma prima o poi, pensavo, qualcosa succederà anche a me. Il mio oncologo, il dottor Sergio Orefice, è stato bravissimo. Mi ha spiegato tutto nei minimi dettagli fin da subito e mi ha detto: «Operiamo». Ho deciso di farmi seguire da lui perché è una persona di cui mi fido ciecamente“.

Ha rivelato che dopo l’operazione, che è andata nei migliori dei modi, si è ripresa rapidamente: “Dopo l’operazione ho fatto la radioterapia, per circa 30-40 giorni, e devo dire che la dottoressa è stata bravissima a «prendere le misure»: non ho avuto alcun fastidio o effetto collaterale. Finita la radioterapia, ho iniziato a prendere una pillola, un equilibratore ormonale, per evitare che quei due signori lì si ripresentassero di nuovo. A parte questa pillola e i controlli che faccio ogni sei mesi, non è cambiato molto nella mia vita”.