Vasco Rossi confessa la verità : “sono stato in carcere”

 Una confessione shock, quella di Vasco Rossi, fatta durante un videomessaggio molto sentito.

attends a premiere for ‘Il Decalogo Di Vasco’ during the 72nd Venice Film Festival at Sala Grande on September 11, 2015 in Venice, Italy.

Il rocker nativo di Zocca ha voluto dare il proprio contributo alla Maratona Oratoria organizzata dalla Camera penale di Bologna lasciando un toccante messaggio a chi si trova oggi nelle stesse condizioni in cui il cantante si è trovato molti anni fa.

Una vita la sua, soprattutto negli anni della gioventù, fatta di eccessi, pagati a caro prezzo con la detenzione in una fredda cella della casa circondariale di Bologna.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Vasco Rossi (@vascorossi)

Le parole di Vasco dal profilo Instagram

Dignità, umanità, eccezionalità.

Conosco la condizione del carcere… ho cercato di farne tesoro per diventare più forte…

Di dare un senso a questa situazione.. anche se questa situazione un senso non ce l’ha.

Tenete duro, teniamo duro. C’è poco da fare, bisogna tenere duro sia dentro che fuori 💪🏼💪🏼

Questo è il videomessaggio di Vasco per la maratona, trasmessa in streaming su Radio Radicale e canale YouTube delle Camere Penali, ha lo scopo di “creare un ponte ideale di parole e pensieri verso chi vive al di là del muro” la realtà quotidiana del carcere”.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Vasco Rossi (@vascorossi)

L’arresto del Blasco

Vasco Rossi fu arrestato per possesso di droga nell’ambito di un’inchiesta che coinvolse centinaia di persone tra Verona, Milano e la Calabria. Una perquisizione al capannone nella zona industriale di Casalecchio di Reno, dove viveva e ospitava gli amici e la sua band, e dove aveva messo su uno studio di registrazione, fece saltare fuori 26 grammi di cocaina. Il cantautore italiano passò dietro le sbarre ben 22 giorni.

Gli unici artisti a solidarizzare con Rossi, andando a trovarlo in carcere, furono Fabrizio De André e Dori Ghezzi.