Giuliano Sangiorgi, dall’intervento chirurgico al lutto che gli ha cambiato la vita: ecco oggi come sta

Il frontman dei Negramaro, Giuliano Sangiorgi, è stato vittima di una serie di problemi, da quelli alla gola fino alla morte del padre

Giuliano Sangiorgi (Instagram)

Il cantautore pugliese è famoso per aver fondato il gruppo “Negramaro”, del quale ne è l’interprete principale.

Grazie al suo timbro unico di voce, è riuscito ben presto a spopolare tra il pubblico nostrano. La fondazione della suddetta band è avvenuta dopo il diploma da lui conseguito, per l’esattezza nel 2000.

Uno dei più grandi successi è stato portato in occasione del cinquantacinquesimo Festival di Sanremo. In quell’anno infatti, ha cantato il brano intitolato “Mentre tutto scorre”, il quale non ha ottenuto immediatamente un gran consenso tra i giudici della kermesse, tuttavia è risultato una delle canzoni più ascoltate in radio nei mesi successivi.

 

Fino ad oggi ha pubblicato nove album insieme al suo gruppo, di cui sette prodotti in studio. Il più recente di questi prende il titolo di “Contatto” ed è stato inciso appena un anno fa.

Leggi qui -> Alessandra Celentano messa in discussione da Tommaso: le parole taglienti

Leggi qui -> Sarah Tognazzi, figlia di Ricky Tognazzi e asso della recitazione: chi è

Giuliano Sangiorgi, dai problemi alla gola alla morte del padre

Nel 2010 invece, i Negramaro hanno pubblicato l’album chiamato “Casa 69”. Per promuovere la loro opera, il gruppo ha indetto una tournée, cancellata però a causa di alcuni problemi riscontrati dallo stesso cantante.

Giuliano per l’appunto, è stato sottoposto ad un intervento chirurgico alle corde vocali per risolvere un particolare disturbo alla gola. L’operazione è andata a buon fine, grazie ad un’esperta equipe di medici, tuttavia nel periodo successivo l’artista ha dovuto affrontare una fase di convalescenza.

Tornato a svolgere la sua attività, un paio di anni dopo è stato vittima di un grave lutto. Facciamo riferimento alla morte di suo padre Gianfranco, deceduto nel 2013. Per Sangiorgi è stato un dolore immenso, soprattutto perché non c’era la presenza di alcun indizio che potesse far presagire la scomparsa prematura del genitore.

L’uomo infatti, si è spento all’età di sessantadue anni, lasciando la sua famiglia nel più totale sconforto. La causa del decesso è da ricollegare ad un infarto fulminante. La mattina di quel giorno, suo padre si era alzato tranquillamente, facendo colazione insieme alla madre fino a quando, verso l’ora di pranzo, si è accasciato inesorabilmente al suolo.

 

A distanza di anni Giuliano è riuscito a risollevarsi, ciò nonostante la morte di papà Gianfranco ha segnato un profondo vuoto in lui, anche perché era stato proprio il genitore a spingere il cantante verso quella che è poi diventata una carriera estremamente brillante nel campo della musica.