Patate, buone ma noiose da pelare: ecco i trucchi per farlo al meglio e velocemente

Le patate fanno gola a tutti, pelarle però è un’operazione davvero pesante. Ecco dei suggerimenti per farlo senza annoiarsi

patate da pelare
patate da pelare (pixabay)

Le patate sono davvero un ottimo alimento. Non solo gustose, anche molto versatili in cucina infatti si prestano a tantissime ricette. Quando decidiamo di utilizzarle per un nostro piatto, la prima operazione che va fatta è quella di pulirle. Sembrerà una semplice routine e invece dietro questo gesto possono nascondersi delle insidie.

Seguendo i nostri consigli e adottando i giusti metodi però, non vi potrete sbagliare e pulirete al meglio questo buonissimo tubero. Il primo strumento che ci può tornare utile è il pelapatate. Con questo piccolo arnese infatti eliminerete in fretta la buccia con pochissimo spreco di materia prima. Se invece avete una mano precisa, basterà utilizzare un buon coltello da cucina ben affilato.

Ci sono ricette però nelle quali è sconsigliato pelare le patate, ad esempio quando prepariamo gli gnocchi. In questo caso le patate a cui non bisogna togliere la buccia, andranno prima pulite e poi immerse nella pentola con acqua. L’operazione di pelatura avverrà dopo, quando saranno cotte e ancora fumanti, stando attenti però a non scottarsi le mani.

TI CONSIGLIO DI LEGGERE ANCHE >> Orto sul balcone, ecco come costruire piccole colture fai da te

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE >> Cashback, numeri e previsioni: la situazione è fuori controllo?

TI CONSIGLIO ANCHE >> Albano non si separa mai dal suo cappello: Ecco il motivo impensabile

I migliori metodi per pulire e tagliare le patate

patatine fritte
patatine fritte (pexels)

Il modo e la grandezza con cui affettare le patate dipende ovviamente dalla ricetta che vogliamo preparare. Potete utilizzare un coltello con la lama liscia e grande, molto affilato e un un tagliere come base di appoggio. Se invece avete bisogno di fette piccole, in questo caso è più indicato usare la mandolina, in commercio ce ne sono di diversi tipi.

Invece quando volete ridurre le patate a spicchi, la prima cosa da fare è tagliatele a metà o in più spicchi da cui sarà facile ricavare i tocchetti, ad esempio per cuocerle al forno.
Nel caso dovete preparare le patate fritte, il taglio sarà a bastoncino. Basterà affettare le patate nel senso della lunghezza con fette di un centimetro circa. Da queste ricaverete poi i bastoncini da friggere.

Invece, per le patate bollite con la buccia, come nel caso della preparazione degli gnocchi,  il trucco consiste nell’usare un coltello a lama liscia, la buccia si staccherà molto facilmente.