Comprare e vendere Bitcoin: ecco la guida per non sbagliare

Tutto quello che c’è da sapere per comprare e vendere Bitcoin sul mercato senza ricevere fregature. 

Una Bitcoin trading machine
Una macchina per fare trading con i Bitcoin (GettyImages)

Se fino a qualche tempo fa il mercato delle criptovalute era diffuso ad una cerchia ristretta di persone, ora si è diffuso in tutto il mondo e sta prendendo piede in maniera preponderante. Questo fenomeno si sta verificando anche grazie all’adesione di personaggi noti del mondo dello spettacolo che prestano il loro volto.

Tra i nomi più influenti, ricordiamo Elon Musk, il Fondatore di Tesla, ma anche l’ex pugile Mike Tyson, l’attrice Gwyneth Paltrow, il rapper Snoop Dogg e il calciatore Lionel Messi.

Come comprare e vendere Bitcoin

Delle monete di Bitcoin
Le monete di Bitcoin (GettyImages)

Ad oggi il valore del Bitcoin si aggira intorno ai 45 mila euro, per cui fare un investimento con questo tipo di moneta può sempre estremamente vantaggioso, ma anche molto rischioso per il proprio patrimonio. Per evitare che ciò avvenga, è consigliabile usare piattaforme affidabili, riconosciute universalmente e che godano di una buona reputazione.

Ma quando sorgono i problemi? Se si usano piattaforme secondarie che possono subire facilmente attacchi informatici dagli hacker. Ma possono sorgere anche se non si conservano correttamente i dati di accesso o il wallet facendo trapelare informazioni preziose, quali dati personali e password a sconosciuti.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —> Effetti Visa sulle criptovalute – Ecco cosa sta succedendo

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —> Mike Tyson si lancia sui Bitcoin: ecco l’ambizioso progetto

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —> Criptovaluta come moneta ufficiale – L’incredibile storia

Guida completa alla compravendita dei Bitcoin

Simbolo della criptovaluta Btc
Simbolo dei Bitcoin (GettyImages)

Il primo consiglio è quello di evitare di fare scambi di denaro per strada, come, invece, accadeva in passato. Per scambi di piccole cifre sarebbe utile usare ATM o bancomat, oppure eToro o Robinhood, due piattaforme di trading. Tuttavia, la soluzione migliore sono gli exchange, dei cambia-valute dove un bonifico si trasforma in Bitcoin, dopo essersi registrati ed aver verificato la propria identità. Alcuni esempi di exchange sono: Chicago Merchantile Exchange, Binance e TheRockTrading.

Durante l’operazione di invio di denaro bisogna stare attenti a digitare correttamente le coordinate del destinatario, assicurandosi che non si tratti di un truffatore. Nella transazione si paga solitamente una commissione, che è alta durante un periodo di grande intasamento della rete. Ad ogni modo, il rischio di avere a che fare con un hacker è davvero molto basso.

In ultimo, si consiglia di non lasciare i Bitcoin dove si sono comprati, ossia nell’exchange, perché può capitare che le borse siano attaccate dagli hacker. Di solito si custodiscono nei wallet, i cosiddetti portafogli, quali Electrum, Mycelium, Blockstram Green e altri. Un esempio di wallet fisico è, invece, Ledger.