Ricky Memphis e l’incidente stradale che gli cambiò la vita: Era un bambino

Ricky Memphis: quello che non tutti sanno riguardo la vita del celebre attore. Ecco il dramma che gli ha cambiato la vita

Ricky Memphis

Ricky Memphis, il cui vero nome è Riccardo Fortunati, è il celebre Mauro Belli della serie tanto amata “Distretto di polizia“. Memphis nasce a Roma il 29 agosto del 1968, nel quartiere di Monte Mario.

Fin da giovanissimo comincia a farsi notare nel mondo dello spettacolo debuttando ben presto sul piccolo schermo. A sostenerlo fin da piccolo fu il grande Maurizio Costanzo che  invitandolo nel suo famoso salotto televisivo, alla fine degli anni Ottanta, gli offre un trampolino di lancio.

Mi divertivo a recitare in un locale. Erano dei versi a volte un po’ volgari, ma mi permettevano di raccontare le mie esperienze nella periferia romana e nel duro lavoro da manovale edile.”

“Una sera mi notò una giornalista e nel gennaio del 1990 fui invitato al “Maurizio Costanzo Show”: grazie a Dio mi videro in tv Simona Izzo e Ricky Tognazzi che mi chiamarono per il film “Ultrà“. Da lì è iniziato tutto” , ha raccontato l’attore in una recente intervista.

Leggi anche -> Belen Rodriguez: ecco l’enorme indizio | Svelato il sesso del bambino

Leggi anche  -> Sfera Ebbasta ha mandato a quel paese tutti pubblicamente

Guarda anche -> Gerry Scotti e i problemi di peso: la situazione clinica e il suo segreto

Ricky Memphis: Il dramma che gli cambiò la vita

Ricky Memphis

Nella sua vita però, non tutti sanno, l’attore ha dovuto far fronte ad una grave perdita che come lui stesso ha dichiarato gli ha cambiato la vita: la morte del padre. Ricky Memphis ha perso il padre quando aveva solo 4 anni.

La mia vita è stata segnata dalla precoce morte di mio padre in un incidente stradale, avvenuta quando avevo solo quattro anni: lui lavorava in trasferta a Taranto e faceva di tutto per tornare spesso a Roma ed incontrare mia mamma Rosa, me e la mia sorellina più piccola.”

“Dopo quella tragedia, siamo andati ad abitare a casa di mia nonna. La mia infanzia è stata ugualmente felice, rumorosa e divertente, piena di bambini. Mia madre ha dodici fratelli e sorelle, quindi sono cresciuto con tanti zii e cugini che abitavano quasi tutti nello stesso quartiere romano”.

Successivamente ha dichiarato che a seguito della scomparsa del papà è sbocciato il suo amore per la fede e Cristo. Memphis dice che credere è fondamentale, lui che è cresciuto in una famiglia anticlericale ha fin da bambino creduto. Ovviamente con l’età adulta ha consolidato questa fede che ad oggi sembra essere stata in molti casi la sua salvezza.

Ha inoltre spiegato che non è possibile credere senza riporre fiducia nel Papa o nella Chiesa, l’istituzione è retta dallo spirito Santo, gli errori ci sono perché comunque è composta di esseri umani che sbagliano.