Vaccino ai parlamentari? La presa di posizione di Salvini

Argomento di discussione negli ultimi giorni è la campagna di vaccinazione per i parlamentari: su ciò si è espresso Matteo Salvini.

GettyImages-vaccini
GettyImages-vaccini

Continua la campagna di vaccinazione in Italia con gli Over 80 che stanno ricevendo la seconda dose e dovrebbero concludere a breve. Così come è partita la somministrazione anche per il personale scolastico, oltre che per le forze dell’ordine. Il prossimo passo è vaccinare le persone tra i 70 e gli 80 anni, anche se dalla politica si spinge per una nuova ‘priorità’.

Infatti, si ipotizza con sempre più insistenza, la possibilità di vaccinare i parlamentari e quindi gran parte dei politici che sarebbero così pronti a ricevere le prime dosi. Numerose le considerazioni a tal proposito, tra chi è d’accordo e chi invece si oppone preferendo il ‘bene della popolazione’.

Il pensiero di Decaro

decaro antonio (web source)
decaro antonio (web source)

A discutere della vaccinazione per parlamentari e sindaci ci pensa Antonio Decaro, presidente dell’Anci, il quale fa volentieri a meno, per il momento, della somministrazione: “Alcuni parlamentari, con un ordine del giorno approvato alla Camera, chiedono di inserire i sindaci tra le categorie ammesse prioritariamente alla vaccinazione in qualità di autorità sanitarie locali”.

Continua affermando: “Li ringraziamo, ma ci sono tante categorie di lavoratori esposti e fragili, che dovrebbero essere vaccinati prima di noi. Noi sindaci aspetteremo il nostro turno”.

Dichiarazioni che tanto dicono sulla necessità di dar spazio soprattutto alle categorie più fragili.

Leggi qui —> L’unico paese free covid? Si trova in Italia: ecco dove

Approfondisci anche —> Covid, Ricciardi e la richiesta che lascia tutti spiazzati

Leggi anche —> Il Covid condiziona il nuovo Governo: le ‘regole’ del giuramento

Il parere di Salvini in merito

salvini (getty images(
salvini (getty images)

“Io aspetto il mio turno, non ho fretta”: così il leader della Lega, Matteo Salvini, i quale commenta così la sollecitazione ad opera di alcuni deputati alla camera. Ciò che è stato richiesto, durante il decreto legge Covid, affinché parlamentari e amministratori locali abbia la priorità per la vaccinazione.

Valutare l’opportunità di inserire i sindaci, in qualità di autorità sanitarie locali, tra le categorie ammesse prioritariamente alla vaccinazione anti Covid nel nuovo piano vaccinale”: questo in sintesi l’ordine del giorno approvato dalla Camera e presentato dai deputati dem Carmelo Miceli, Andrea Rossi, Francesco Critelli e Gian Mario Fragomeli.

I sindaci, secondo quanto segnalato dai parlamentari democratici, hanno pagato già un prezzo altissimo per combattere il covid e quindi la loro immunizzazione è prioritaria. Insomma, anche in questo caso polemiche, mentre le categorie deboli latitano e faticano nell’andare avanti.