Marco Carta: dall’accusa di furto ai problemi di salute | Cosa fa ora

Marco Carta fu protagonista di uno spiacevole episodio che lo fece finire sulle copertine dei giornali, ecco cosa fa oggi

M. Carta (Instagram)

Marco Carta nacque a Cagliari il 21 maggio del 1985. La sua non è stat una vita agiata. All’età di 8 anni perde il padre, malato di leucemia, e solo due anni dopo perse anche la madre che in quel periodo stava combattendo contro un tumore. Venne così affidato alla nonna, con la quale è cresciuto insieme a suo fratello maggiore.

Nel 2018 ospite a Domenica in decise di fare pubblicamente coming out, mettendo fine così alle voci sulla sua sessualità. La sua carriera però comincia nel 2007. In quell’anno entra a far parte degli alunni della settima edizione di Amici di Maria De Filippi nella categoria cantanti.

La vittoria del programma arriva il 16 ottobre 2008 con il 75% delle preferenze, ottenendo così un premio di 300.000 euro ed un contratto con la casa discografica Warner Music Italy. L’anno successivo, nel 2009, partecipa al Festival di Sanremo, riuscendo ad ottenere la vittoria su uno dei palchi più importanti d’Italia.

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da MARCO CARTA (@marcocartaoff)

Non fu famoso purtroppo solo per la musica. Il suo nome è legato indissolubilmente ad una vicenda legale molto particolare.

Leggi qui -> Amadeus dopo le accuse: zittisce tutti in grande stile

Leggi qui -> Amadeus ha scelto proprio lei: Flavio Briatore sarà felice

Marco Carta dal presunto furto ai problemi di salute

La notizia ci mise poco a fare il giro dei social e a diventare virale: Marco Carta è stato arrestato per il furto di sei magliette alla Rinascente. Sembrerebbe un qualcosa di incredibile, un personaggio di spicco della musica come lui che si macchia di un reato di così basso livello?

Sui social gli haters hanno subito gettato fango sul cantante, dando per scontata la sua colpevolezza. Tuttavia in primo grado venne assolto, ma questo non bastò. Per reati minori come il suo è raro che la procura decida di ricorrere in appello, ma anche in secondo grado venne giudicato non colpevole.

Questa vicenda lo scosse e non poco, certo non pensò mai di finire in carcere, tuttavia anche solo il processo fu una brutta macchia per il suo personaggio. Fortunatamente la giustizia fece il suo corso.

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da MARCO CARTA (@marcocartaoff)

Tutto questo ha avuto ripercussioni sulla sua salute fisica e mentale, soprattutto perché la nonna era molto preoccupata per questa vicenda. Lei che lo aveva cresciuto come una madre è scomparsa recentemente, ha fatto in tempo a venire a conoscenza del primo grado, ma poi il pm volle fare ricorso.

Lasciatosi questa storia alle spalle Marco ha potuto concentrarsi di nuovo sulla musica e tre mesi fa ha fatto uscire un nuovo singolo chiamato “Domeniche da Ikea” che su Youtube ha fatto scorpacciata di visualizzazioni.