Nek per la prima volta racconta la disgrazia vissuta: La sua vita a rischio

Nek ha mostrato tutta la sua sincerità, dichiarando a cuore aperto la brutta esperienza che la vita gli ha messo davanti 

Nek (Instagram)

Nek è un famosissimo cantante che nella sua carriera ha venduto oltre 10 milioni di dischi. Muove i suoi primi passi nel mondo dello spettacolo nel 1986, quando forma un duo country insieme ad il suo amico Gianluca Vaccari.

Nel 1989 divenne cantante e bassista del gruppo musicale rock White Lady, nel quale compose i suoi primi brani. Tale gruppo nacque inizialmente come cover band dei Pollice, per poi divenire una formazione con un proprio repertorio personale, tanto da incidere il demo White Lady – The Demo.

Nel 1991 decide di abbandonare il gruppo per concentrarsi sulla carriera da solista. Nello stesso anno partecipò al Festival di Castrocaro, dove arrivò in finale senza centrare la vittoria. In quell’occasione comunque riuscì ad ottenere un contratto con un etichetta discografica per pubblicare tre album.

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Nek Filippo Neviani (@nekfilipponeviani)

Come solista riscuote parecchio successo, tanto da meritarsi la chiamata sul palco più prestigioso d’Italia, quello del teatro Ariston di Sanremo. Il pubblico così ha potuto conoscere meglio un grande artista che negli anni a venire sarebbe diventato un protagonista. Oggi è tornato a far parlare di se e lo fa per un motivo molto particolare.

Leggi qui —> Martina Stella: “La bellezza di Roma”, ma a colpire è altro

Leggi qui —> Lapo Elkann e la dichiarazione a Mara Venier: “Mi sento a casa”

Nek, il racconto della disgrazia sfiorata

Il cantante è un ragazzo semplice, quasi d’altri tempi. Lo dimostra il fatto che lui ama vivere in campagna e dedicarsi ai lavori manuali, nonostante la celebrità,

Proprio nella sua casa in campagna è successo il misfatto. Nek è stato protagonista di un terribile incidente che avrebbe potuto costargli la vita. È lui stesso ad aver raccontato questo aneddoto a Verissimo, davanti ad un incredula Silvia Toffanin.

“Ero nella mia casa in campagna, stavo intagliando una lastra di legno con una sega circolare. Ho perso il controllo e mi sono tagliato due dita. Ero solo. Per fortuna ho avuto la lucidità di andare in ospedale, ho guidato in quel modo. L’operazione è durata undici ore.

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Verissimo (@verissimotv)

Nek racconta anche che durante i giorni di ricovero ebbe spesso momenti di crollo e di aver pianto molto. Fortunatamente ci fu la sua famiglia con lui, che a quanto dice gli evitò di finire in depressione. Adesso sta facendo la riabilitazione e potrebbe lasciarsi tutto alle spalle, ma quello che ha vissuto è stato davvero un episodio molto spiacevole.