Diego Abatantuono e la triste rivelazione: “Ho perso…”

Diego Abatantuono, un po’ di anni fa, ha trascorso un periodo veramente complicato: ecco cosa gli è successo

Non ci sono dubbi sul fatto che Diego Abatantuono sia uno degli attori comici di maggior successo del cinema italiano. Il classe ’55 ha cominciato la sua carriera da giovanissimo: è nato a Milano ma i suoi genitori erano siciliani. Un binomio che si rivelò vincente, visto che Diego iniziò con delle imitazioni della parlata siciliana e con l’interpretazione del classico ragazzo che dal Sud si sposta al Nord in cerca di lavoro.

Diego Abatantuono (Foto Web)

Negli anni ha dato prova della sua poliedricità, disimpegnandosi con grande successo anche nel ruolo di regista e di conduttore. Ha recitato in tantissimi film e anche in alcune fiction molto conosciute.

Per quanto concerne, invece, il ruolo di conduttore, ha perso parte a diversi programmi sia in Rai, che in Mediaset e in La7. Tra i tanti, ricordiamo: Italia mia, Colorado Café, Quelli che il Calcio, Scherzi a parte, Enjoy – Ridere fa bene ed Eccezionale veramente.

Ha anche prestato il “volto” a diversi spot pubblicitari come quello della Fiat nel 1985 in cui vennero presentate le Fiat Ritmo e Fiat Regata (successivamente anche nel 2012 per quanto riguarda la Fiat Doblò Cargo); ma anche per i Surgelati Buitoni, la Telecom, la Vodafone. 

Sul fronte vira privata, Diego Abatantuono è stato sposato dal 1984 al 1987 con Rita Rabassini. Dal matrimonio è nata Marta, la quale ha reso il nostro “caro” Diego nonno per ben due volte.

Dal 1987, poi, ha intrapreso una relazione con Giulia Begnotti. I due solamente nel 2021 hanno deciso di sposarsi: dalla loro unione sono nati Marco e Matteo. 

Diego Abatantuono e il brutto periodo passato

Diego Abatantuono (Foto Web)

Diego Abatantuono, come detto, raggiunse la notorietà sin da giovanissimo e negli anni ’80 passò un momento decisamente complicato. L’attore comico, infatti, nel corso di un’intervista raccontò di aver avuto dei gravissimi problemi economici dovuti all’inesperienza.

Lo stesso Diego, qualche tempo fa, ai microfoni de Il Corriere della Sera spiegò: “Avevo perso tutto. Un manager serio, dopo il primo incasso da sette miliardi, m’avrebbe detto ‘Stai fermo un anno’. Invece, io fui spremuto, il terrunciello si esaurì e il mio manager fece sparire i soldi messi da parte per le tasse. Per pagare i buffi, dovetti fare tantissime serate”.

Il periodo buio, fortunatamente, passò e Diego riuscì a mettersi alle spalle la brutta situazione e concentrarsi con grande determinazione sul lavoro.

Impostazioni privacy