Lino Banfi, il dolore lancinante per la malattia: “Non sarà più possibile…”

L’attore Lino Banfi e il dolore lancinante per la malattia: ha fatto delle rivelazione importanti. Ecco di cosa si tratta

Lino Banfi, classe 1936, nasce ad Andria e il suo vero nome è Pasquale Zagaria ed è un attore, sceneggiatore, comico ed ex cabarettista italiano. Rappresenta uno dei volti più apprezzati del panorama artistico italiano che, con i suoi personaggi ha conquistato il cuore e la risata di milioni di italiani recitando al fianco di numerosi attori e registi di un certo calibro ed insieme  a Lando Buzzanca, Mario Carotenuto, Alvaro Vitali, Johnny Dorelli e Renzo Montagnani, è ritenuto uno degli attori più rappresentativi della commedia sexy degli anni settanta e ottanta.

 

Lino banfi parla
Curiosità (foto web)

La famiglia di Pasquale Zagaria era profondamente cattolica e lo spinge a provare la carriera del seminario, ma lui si sente portato per l’arte e per lo spettacolo, tanto che esordisce  come cantante nelle feste musicali di paese. Fu proprio il Vescovo a consigliargli di intraprendere la carriera di attore comico, in quanto durante le recite parrocchiali in cui interpretava Giuda, San Giovanni e San Pietro, ridevano tutti.

Intuì che il suo destino era quello, così da andare contro il volere dei genitori che non consideravano questo un vero e proprio lavoro; gli inizi furono molto difficili tanto che Banfi attraversò periodi di seria difficoltà economica, finendo anche in preda agli strozzini. Ma nel 1954, inizia a lavorare nel teatro di Milano portando in scena elementi e modi di dire tipici del suo paese, incentrando la sua comicità sul suo dialetto e sulla parlata buffa e originale.

Il suo esordio al cinema, invece, avviene nel 1964, recitando in piccole parti nei film di Franco e Ciccio come I due evasi di Sing Sing002 Operazione LunaDue marines e un generaleI due pompieriRiuscirà l’avvocato Franco Benenato a sconfiggere il suo acerrimo nemico il pretore Ciccio De Ingras?, o nei film di Alighiero Noschese ed Enrico Montesano, come Il furto è l’anima del commercio!?…Io non spezzo… rompo e Boccaccio. Comincia così a farsi conoscere e nel 1973 esordisce come protagonista nel film Il brigadiere Pasquale Zagaria ama la mamma e la poliziache lo porta al successo. 

Ha conquistato il pubblico con le sue commedie sexy e negli anni 2000 con Un medico in famiglia, dove interpretava Nonno Libero, il nonno di tutti gli italiani. Anche se ora Lino è costretto ad affrontare la brutta malattia di sua moglie, la donna che ha condiviso con lui tutta una vita.

LEGGI QUI>Manuela Arcuri, la rivelazione in diretta: “Valuteremo cure specifiche…”

LEGGI QUI>Dodi Battaglia, il dolore lancinante per la tragica scomparsa: “Più dura di quanto immaginassi…”

La malattia della moglie

Lino e moglie
Il dramma (foto web)

Lino Banfi ha trascorso una vita con sua moglie e intervistato a Panorama ha raccontato la grande sofferenza della malattia che l’ha colpita, l’Alzhaimer.

Egli si mette a nudo e confessa: “Io cerco di nasconderlo. E chiedo a voi giornalisti di non scrivere mai la parola Alzheimer. È una pugnalata al cuore. A volte mi faceva sempre le stesse domande. Prima non sapevo come dovevo rapportarmi. Le rispondevo spazientito. Ma ora ho capito. Il professore che l’ha in cura mi ha consigliato di non partire per più di una settimana. Mi ha detto che dopo un lungo periodo di lontananza avrebbe potuto non riconoscermi”. 

Concludendo l’attore ha affermato: “Non abbiamo mai fatto una crociera, lo abbiamo sognato per anni. Pochi viaggi all’estero, lavoravo tanto, ma le dicevo che da vecchi saremmo andati in giro, solo io e lei. Invece non è più possibile. Ne ha passate tante per me […]. Se parto mi dice che si sveglia con la mano sul mio cuscino. Vorrei solo che rimanesse tutto come è oggi”.