Digitale terrestre, sta per cambiare tutto: cosa fare? Ecco come prepararvi e cosa serve

Il countdown per cambiare digitale terrestre è vicino. Vediamo cosa devono fare gli utenti e le date da segnare sul calendario. 

Una smart tv della Samsung con schermata azzurrina
Un uomo mentre tocca una smart tv della Samsung esposta dentro a un negozio (GettyImages)

L’innovazione tecnologica del 2021 passa anche dalle tv delle case italiane, fra gli scontenti e la voglia di avanguardia si procede a ‘spada tratta’. Infatti, anche il digitale terrestre sta per cambiare, vista la necessita di omologare i vecchi apparecchi ai tempi odierni. Sono tanti i cittadini confusi e che non sanno come muoversi in tal senso e il governo prova ad ovviare a una forzatura obbligata alla popolazione.

Ovviamente, le tv non sono beni di prima necessità e ci sono alternative molto buone, come i libri o i giornali, ma l’abitudine delle persone di tutto il mondo ormai è quella di usarle ogni qualvolta sia possibile farlo. Per effettuare questo cambiamento, l’esecutivo italiano, guidato da Mario Draghi, ha deciso di stanziare alcuni fondi, che verranno erogati sotto forma di bonus.

Come sta per cambiare il mondo del digitale terrestre

L'antenna di un decoder in Hdmi
Un’antenna del decoder Hdmi in vendita su Amazon (WebSource)

Gli step inerenti al passaggio dalle tv normali a quelle in Hd partono già da luglio, dove sarà possibile chiedere i bonus. In particolare, quello che sta per cambiare nel digitale terrestre riguarda proprio la qualità delle immagini, che non tutti i dispositivi in circolazione riescono a supportare. 

Di solito, le apparecchiature da cambiare hanno 10 anni circa o più, mentre per le altre vi è da fare alcuni test per verificare la compatibilità col nuovo modello di trasmissione. Si parla di 30 milioni, circa, di televisori situati nelle case degli italiani, per gli altri sarà possibile verificarne l’efficacia dai canali 501 in poi, visibili solo in hd. Si può anche testare una tv andando sul canale 100 o 200 del digitale terrestre e se apparirà la dicitura  “Test HVC Main 10″ allora sarà possibile vedere i canali da settembre in poi.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Occhio a stare troppo tempo al sole: i cinque consigli per non rovinare la pelle

LEGGI QUI: Truffa sul nuovo digitale terrestre: occhio a quale comprate

APPROFONDISCI ANCHE: I consumi aumentano in estate? Ecco alcuni consigli per risparmiare sulla bolletta della luce

Altre informazioni utili nel settore televisivo

Una persona con in mano un telecomando
Una persona mentre cambia canale con un telecomando (WebSource)

Dai primi di settembre chi non si sarà omologato alla questione digitale terrestre inizierà ad avere problemi con la visione dei canali. Questo si protrarrà fino al 30 giugno, quando le attività dei programmi tv cesserà per i modelli obsoleti.

Lo stato aiuterà con due bonus tv i cittadini più in difficolta:

  • Il primo è quello del 2020, e riguarda i redditi dei nuclei familiari inferiori a 20 mila euro, con un rimborso economico di 50 euro.
  • Il secondo è stato preparato nel 2021 e sarà disponibile per chiunque voglia rottamare un vecchio modello di tv, con i rimborsi che arriveranno fino a 100 euro.