Tullio Solenghi e gli atroci dolori fin da bambino: la malattia

Il celebre comico Tullio Solenghi ha risolto un problema di salute cambiando il suo stile di vita. Vediamo di cosa si tratta nel dettaglio.

Tullio Solenghi
Tullio Solenghi e Rocco Papaleo alla cerimonia di premiazione dei David di Donatello – Getty Images

Tullio Solenghi è un attore comico, diventato famoso soprattutto per aver fatto parte del Trio con Massimo Lopez e Anna Marchesini che ha regalato al pubblico spensieratezza e allegria grazie ai loro spettacoli comici, sia in tv che a teatro. Il Trio ha avuto il periodo d’oro a cavallo tra gli anni Ottanta e gli anni Novanta.

Ad ogni modo, ha dovuto far fronte fin da piccolo a un disagio che gli ha provocato molti momenti negativi anche durante il periodo di maggior successo. E a sorpresa è riuscito a risolverlo in maniera molto semplice, ma ci sono voluti anni prima di arrivare alla soluzione.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —> Virginia, figlia di Anna Marchesini e la guerra con il padre: ecco come sono i rapporti oggi

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —> Da bambina voleva diventare suora, oggi è un’esuberante conduttrice: ecco chi è

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —> Avete mai visto “casa Bocciolini”? Ecco la casa da sogno di due grandi attori italiani

Tullio Solenghi: “Così ho sconfitto l’emicrania”

Tullio Solenghi
L’attore Tullio Solenghi – Getty Images

L’attore Tullio Solenghi ha dichiarato in un’intervista di aver sofferto di emicrania, fin da piccolo. Anche la nonna ne soffriva, per questo non pensava di poter risolvere la situazione, considerando il fatto che fosse ereditario. Crescendo, però, l’emicrania si è accentuata, soprattutto durante i periodi di forte stress. L’attore ha raccontato che durante uno spettacolo teatrale vomitava più volte e una volta è anche svenuto.

Insomma, non era un’emicrania comune, ma provocava delle vere e proprie crisi al comico che si trovava ad essere dipendente del medicinale Plasil, anche se il suo effetto si vedeva soltanto dopo ore dall’iniezione. A Cesena, in occasione della prima di uno spettacolo teatrale, il suo produttore gli consigliò la visita da un reumatologo e per Solenghi fu l’inizio della fine dell’incubo. Il medico pose l’accento su quali cibi solitamente mangiasse l’attore. Purtroppo, i crostacei, tartufo e formaggi stagionati favoriscono l’emicrania. Per tale ragione, ha iniziato a escludere questi cibi dalla sua alimentazione.

Alcuni anni dopo, spinto dalla moglie, Tullio Solenghi ha deciso di diventare vegetariano. E mai scelta fu più giusta. Da allora non ci sono stati più crisi violente di emicrania e l’attore si sente ricco di un’energia ritrovata. Per questo motivo, consiglia a tutti quelli che soffrono di forti cefalee di curare l’alimentazione, perché potrebbe risolvere molti problemi.