Bud Spencer e la dieta americana: mangiava a volontà

Carlo Pedersoli, in arte Bud Spencer, aveva scoperto una particolare dieta americana in cui poteva mangiare a volontà

Bud Spencer (Instagram)

Ormai ci ha lasciati già da cinque anni, ma il suo ricordo è rimasto nei cuori di tutti i suoi numerosissimi fan. È morto infatti nel giugno del 2016 all’interno della sua casa a Roma, all’età di ottantasei anni.

La storica coppia composta da lui e da Terence Hill ha scritto pagine della storia del cinema italiano e non solo, tanto che la loro fama è arrivata anche oltreoceano. Il loro sodalizio è cominciato negli anni sessanta, ancor prima che i due adottassero i rispettivi soprannomi con cui sono diventati celebri.

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Bud Spencer (@budspencerofficial)

La pellicola che gli ha permesso di sfondare definitivamente è stata “Lo chiamavano Trinità”, un classico dei western all’italiana. Grazie agli svariati successi di cui si è reso protagonista, nel 2010 è stato consegnato a Spencer il prestigioso David di Donatello, in riconoscimento della sua fantastica carriera cinematografica.

Leggi qui -> Diamy, la figlia di Bud Spencer che vive “nascosta”: Ecco chi è

Leggi qui -> Terence Hill e la casa da sogno: ecco dove abita con la moglie | Non crederete ai vostri occhi

La dieta americana di Bud Spencer

Il noto attore napoletano è diventato celebre anche per merito della sua imponente fisicità. Da giovane è stato un atleta di alto livello, distinguendosi particolarmente nel nuoto, dove all’epoca ha ottenuto importanti record.

Tuttavia, per alimentare la sua grande mole, Bud aveva la necessità di nutrirsi molto. A parlare della sua dieta è stata sua figlia Cristiana, attraverso le pagine del libro da lei scritto intitolato “Un gigante per parà”.

Innanzitutto ha spiegato che Carlo era molto refrattario a qualsiasi tipo di dieta, tanto che al solo pensiero diventava immediatamente nervoso. Un giorno però, venne a conoscenza di una particolare tipologia di alimentazione, ideata da un dottore americano.

Questo tipo di dieta si chiama “Scarsdale”, secondo la quale è possibile perdere diverso peso pur mangiando abbondantemente. “Non richiedeva di pesare gli alimenti, ma anzi concedeva di mangiare in certi giorni cibi a volontà, a volte la frutta, a volte la verdura, a volte la carne e così via”, ha spiegato Cristiana sulle pagine della sua pubblicazione.

 

Come facilmente ipotizzabile, nei giorni prestabiliti l’attore si sfogava mangiando grandi quantità di cibo, soprattutto quando era il turno della carne. Grazie a quanto scritto da sua figlia è stato possibile venire a conoscenza di certi aneddoti sul grandissimo Bud Spencer, tra cui, appunto, quelli in merito alla sua proverbiale fame.