Cashback, scattano i rimborsi:ecco quando arrivano e cosa c’è da sapere

Ci siamo! Arrivano i rimborsi del Cashback, manca poco alle date attese e poi si riparte azzerando tutto. Vediamo i giorni utili per ogni operazione.

Una finta carta di credito della Mastercard in formato grande
Durante la ‘Milion dollar Stanley cup’ viene mostrata un finta carta di credito (GettyImages)

Un’attesa durata sei mesi, quella da parte degli utenti che hanno preso parte all’iniziativa di Cashback, voluta dal governo Conte. Dal primo luglio, arrivano i rimborsi ai cittadini da parte di Consap, ma non saranno erogati nell’immediato.

Quello che sta avvenendo non ha precedenti e molti cittadini si sono impegnati ad utilizzare questo nuovo servizio statale. Una linea intrapresa per poter evitare l’evasione fiscale da parte dei commercianti, intenti, a volte, a farlo per ovviare alla forte pressione fiscale da loro più volte denunciata.

Arrivano i rimborsi del Cashback: vediamo le date precise

Un uomo mentre ritira delle banconote allo sportello automatico
Un uomo con alcune banconote in mano, di fronte a uno sportello automatico (GettyImages)

Il primo periodo di prova del Cashback è partito nei primi giorni di dicembre 2020, dove gli utenti hanno iniziato ad effettuare le transazioni. Per far avere il ritorno del 10% delle spese effettuate, i fruitori hanno atteso anche 2 mesi, a partire da gennaio 2021. Ora, arrivano i rimborsi di tutti e sei mesi posteriori al primo di gennaio, in cui il servizio ha visto aumentare il numero dei cittadini partecipanti.

Le date precise delle operazioni sono da identificarsi con la chiusura del periodo in cui si dovevano superare le 50 transazioni, il 30 giugno, e quello relativo ai rimborsi, che parte dal 1 luglio. Consap dovrebbe inviare il denaro nei conti correnti bancari inseriti sulle piattaforme dedite alla gestione del tutto (con l’app Io in primis), ma lo farà entro la fine di agosto.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Bolletta della luce troppo alta? Ecco come risparmiare con un metodo semplice ma che molti ignorano

LEGGI QUI: Cashback, rischio di perdere il rimborso: ecco cosa fare per evitarlo

APPROFONDISCI ANCHE: Usate spesso il forno? Ecco come risparmiare sulla bolletta

Quali sono le modalità d’uso di questo nuovo servizio

Una vecchia carta di credito della Barclay's
Una carta di credito della Barclay’s (GettyImages)

I cittadini italiani che vogliono registrarsi al sistema di Cashback possono farlo in qualsiasi momento. Quello che serve è avere lo Spid, per il riconoscimento digitale, o una carta d’identità elettronica, un codice fiscale, una carta di credito o bancomat e un conto corrente, da inserire per ricevere i rimborsi.

Il tutto va caricato su una piattaforma apposita, come l’app Io, Poste, Satispay, Hype. Il terzo periodo di 6 mesi parte a luglio e finirà il 31 dicembre, con i rimborsi fino a 150 euro come in precedenza, che arriveranno nei 2 mesi successivi. Vi è da ricordare che i primi 100 mila che hanno effettuato più transazioni fino a 15 euro prenderanno il premio del Supercashback, di ben 1500 euro.