Caos criptovalute: solo i milionari potranno investire, l’incredibile svolta

Una incredibile novità coinvolge il mondo dell criptovalute. Ecco di cosa si tratta nello specifico.

Bitcoin
Negozio che accetta i Bitcoin – Getty Images

Le criptovalute si stanno affermando sempre di più nello scenario dell’economia mondiale. In questa tendenza hanno giocato un ruolo fondamentale aziende importanti, quali Tesla, che ha deciso di investire in Bitcoin e, anche se ora ha fatto dietrofront perché si è resa conto dell’impatto ambientale poco ecologico che la criptomoneta ha, resta comunque innegabile la sua influenza sul mercato e anche sulla concorrenza.

In aggiunta, anche PayPal ha deciso di adottare questo metodo di pagamento per i suoi utenti. In poche parole, una vera e propria rivoluzione che rende la moneta virtuale sempre più protagonista dell’economia mondiale.

Ora, però, c’è un’importante novità che riguarda l’Oriente ed ha a che fare con i Bitcoin. Vediamo nel dettaglio di cosa si tratta.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —> Elon Musk dice addio a Bitcoin, ma non alle criptovalute: ecco dove punterà

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —> Non solo Bitcoin, quali sono le criptovalute emergenti? Diamo uno sguardo

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —> Criptovalute, record importante raggiunto dai Bitcoin – È il momento dell’esplosione

Quale è l’importante novità che ha deciso di introdurre Hong Kong?

Bitcoin
Segnale per i clienti di negozi che accettano Bitcoin – Getty Images

Hong Kong ha deciso di introdurre una nuova legge che consenta solo a chi possiede almeno un milioni di dollari di investire in Bitcoin. Questo significa sostanzialmente che solo i milionari avranno accesso alle criptovalute.

Questa azione per regolamentare il sistema ha un obiettivo: quello di limitare l’accesso alle crypto, il cui settore sta diventando troppo grande e di difficile gestione. La Regione sta portando avanti delle consultazioni dal mese di Novembre dell’anno scorso per monitorare la situazione. I risultati hanno dimostrato che le criptomonete non danno molti profitti agli esercenti al dettaglio del settore. Ma, in ogni modo, se questa legge passa, sarà un duro colpo per tutti questi commercianti che avevano deciso di investire in Bitcoin. Ciò significa, infatti, che il 93% della popolazione di Hong Kong sarà esclusa dal mercato crypto, considerando che la regione abbia più di sette milioni di abitanti.

Ma non è tutto. La legge non si limiterebbe solo a chi può accedere agli investimenti, ma ha anche lo scopo di controllare ancora di più gli scambi. Questa funzionalità, invece, vuole essere un monito per tutti quelli che vogliono effettuare scambi di crypto illegali.

Numerose le proteste in seguito a questa decisione, perché in termini economici significherebbe una perdita considerevole e un tracollo dei Bitcoin nel mercato asiatico e non.