Il rider che guadagna 3 mila euro al mese: l’incredibile storia

Ecco l’incredibile storia di un rider che guadagna 3mila euro al mese, ma è davvero tutto vero? 

Rider
Rider in azione – Getty Images

La figura lavorativa del rider è balzata alla cronaca a partire dall’anno scorso durante il primo periodo di lockdown nazionale, perché costituivano l’unica possibilità di avere cibo d’asporto a casa. Ma, ben presto, sono venuti al pettine tutti i nodi relativi a questa professione che risulta essere oltre che stancante, anche sottopagata.

Spesso questa è una professione che gli italiani si sono ritrovati a svolgere per sopperire alla mancanza di lavoro. Guide turistiche, camerieri e altri lavoratori del comparto hanno virato verso questo settore che non conosce crisi. Anche se c’è il rovescio della medaglia. Pochi mesi fa un rider a Napoli è stato pestato durante le ore di lavoro e il suo motorino è stato rubato. Dopo poco è partita una raccolta fondi per risarcire il povero malcapitato, che ha una famiglia da sfamare alle spalle, e permettergli di acquistare un motorino nuovo.

Considerando tutte queste premesse, la storia di un rider che guadagna 3mila euro al mese ha fatto storcere il naso a tutti gli addetti del settore e non.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —> Effetto Covid: i rider protestano, ma i loro portafogli si gonfiano

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —> Cashback cambia tutto: ecco le novità che portano alla rivoluzione 

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —> Cashback, numeri e previsioni: la situazione è fuori controllo?

Il rider che guadagna 3mila euro al mese. Verità o menzogna?

Rider
Fattorino che consegna in bici il cibo – Getty Images

Un rider, Emiliano Zappalà, ha dichiarato di percepire 3mila euro al mese e di aver intrapreso questa carriera solo dopo l’inizio del lockdown come cosiddetto piano B, perché prima lavorava come commercialista. Ma sarà vero? È arrivato il momento di fare chiarezza. Dal suo profilo LinkedIn l’uomo dichiara di lavorare come fattorino già dal 2018, quindi molto prima della chiusura totale del 2020. In aggiunta, non è iscritto in nessun Albo, quindi non è un commercialista a tutti gli effetti.

E, infatti, lo stesso Zappalà ha dichiarato di avere il diploma di ragioneria e di aver fatto un tirocinio presso uno studio di commercialista, ma di non aver mai esercitato la professione. In ultimo, la paga sarà davvero di 3mila euro? L’uomo ha detto di guadagnare 4mila euro lordi, ma statisticamente sarebbe impossibile raggiungere una cifra simile, perché bisognerebbe lavorare 18 ore al giorno. Il quotidiano Corriere della sera ha portato avanti una indagine che evidenzia che lo stipendio in media dei rider ammonta agli 800 euro mensili.