Paolo Rossi superiore a Totti, Maldini e Buffon: ecco perché

Paolo Rossi è stato un’icona del nostro calcio. Si spegne a 64 anni uno dei migliori calciatori che abbia mai indossato la maglia azzurra.

Paolo Rossi (websource)

La triste notizia è arrivata sta notte, tramite il profilo Instagram della moglie che ha voluto omaggiare suo marito con una foto che li ritrae insieme, sorridenti, perché è così che tutti noi ricorderemo Paolo, un uomo prima che un calciatore che ci ha fatto emozionare e che ha regalato ad ognuno di noi un ricordo indelebile grazie anche alla vittoria del mondiale dell’82.

Paolo Rossi, storico calciatore della nazionale italiana, si è spento questa notte. Da tempo lottava contro un tumore ai polmoni che purtroppo non gli ha lasciato scampo. Ha vissuto in silenzio la notizia di questo male, provando a combatterlo con tutte le forze, con la grande tenacia che lo ha sempre contraddistinto, tuttavia questa volta non ce l’ha fatta.

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Federica Cappelletti (@cappellettifederica)

La notizia ha scosso il mondo del calcio italiano ma non solo. Fulvio Collovati, storico compagno di squadra di Paolo che ha condiviso con lui la gioia del mondiale del 1982, questa mattina a “Radio Rai” si è detto sconvolto: “Se sono campione del mondo lo devo anche a lui, ai suoi goal“. Anche la stampa estera ha voluto omaggiare uno dei più grandi del nostro calcio. La stampa brasiliana lo commemora chiamandolo “eroe del mondiale 82”, ma anche la stampa spagnola e Inglese hanno voluto ricordare Paolo Rossi.

Chi ha giocato con lui, ma anche chi la conosciuto per poco tempo, ha speso solo belle parole sia per il calciatore, talento assoluto, ma anche per l’uomo che Paolo era. Sorridente e con un grande spirito d’intraprendenza è riuscito a conquistare qualunque compagno di squadra e non. Tanti i messaggi che gli hanno dedicato, uno dei più belli arriva da Giovanni Trapattoni che si esprime così: “Ciao Paolo… i giocatori non dovrebbero andarsene prima degli allenatori”.

 

Paolo Rossi: se ne va il più grande di tutti.

Vero e proprio eroe della nazionale ma anche delle squadre di club in cui ha militato. Paolo Rossi è stato uno di quei calciatori in grado di mettere d’accordo tutti, come negli anni successivi ci sono riusciti Del Piero, Totti, Baggio, Maldini e Buffon.

Paolo Rossi (websource)

Probabilmente però nessuno di loro è riuscito veramente ad arrivare a lui. È stato il primo calciatore, l’unico insieme a Ronaldo il fenomeno a vincere nello stesso anno il mondiale, il titolo di capocannoniere di questa competizione ed il pallone d’oro.

Bearzot fu uno dei suoi più grandi sostenitori. L’ex CT della nazionale infatti convocò l’attaccante nonostante quest’ultimo fosse coinvolto in uno scandalo riguardante il calcio scommesse. Bearzot credette sin da subito alla sua onestà e andò contro l’opinione pubblica decidendo di convocarlo. Il resto è storia, una storia fatta di trionfi e di successi che hanno inciso il nome Paolo Rossi nella storia del calcio internazionale.

Possiamo definire dunque Paolo Rossi come il migliore di tutti i tempi. Il pallone d’oro, il mondiale da protagonista, la tripletta al Brasile del fenomeno Zico e nella stessa competizione la vittoria sull’Argentina di Diego Armando Maradona e la Polonia di Boniek.

Paolo Rossi (websource)

Se ne va quindi uno dei più grandi di tutti, che ha fatto diventare grande anche l’Italia calcistica, scrivendo pagine di storia che resteranno indelebili nella mente di tutti noi.