Sguardo intenso già da bambino, oggi è un’icona nel mondo del cinema e della tv

Occhi vispi fin da bambino, ora è un attore del cinema e della tv affermato. Ecco di chi stiamo parlando.

Nasce a Milano, ma il suo accento è tutt’altro che milanese. Infatti, l’influenza del padre pugliese diventerà una delle sue caratteristiche più peculiari. La sua fede calcistica, il Milan, lo ha portato ad essere un’icona di comicità, ma non solo. Ha ricevuto numerosi riconoscimenti per ruoli importanti, come i Nastri d’argento e il David di Donatello.

 

Abatantuono
Diego Abatantuono da piccolo ( foto presa dal web)

Stiamo parlando di Diego Abatantuono che è un attore conosciuto e apprezzato da molti. Ha ottenuto nel corso di questi anni molti successi al botteghino e in tv. Ma vediamo nel dettaglio la carriera e la vita dell’attore milanese.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —> Ugo Conti, da spalla di Diego Abatantuono alla difficoltà economica: oggi come sta

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —> Diego Abatantuono, il periodo bruttissimo mai svelato: “Perso tutto…”

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —> Diego Abatantuono e la dedica all’amico scomparso: la frase è straziante

Diego Abatantuono: carriera e biografia dell’attore di Eccezzziunale veramente

Diego Abatantuono
Diego Abatantuono – Getty Images

Abatantuono è un attore che ha avuto e sta avendo molte soddisfazioni nel campo cinematografico. Ha ottenuto un David di Donatello alla carriera nell’ultima edizione del 2021. Diventato famoso per film quali Eccezzziunale veramente, Viuuulentemente mia per la regia di Carlo Vanzina, ha recitato anche in Attila flagello di Dio, per la regia di Castellano e Pipolo, Regalo di Natale e Ultimo minuto di Pupi Avati.

Nel 1991 partecipa al film di Gabriele Salvatores Mediterraneo che vince l’Oscar come migliore film straniero un anno dopo. Con il regista ha collaborato anche in occasione di Marrakesh Express e Puerto Escondido. Quest’ultimo gli è valso il Nastro d’argento. Da menzionare sono anche i ruoli drammatici come nel caso di Io non ho paura, tratto dall’omonimo libro di Niccolò Ammaniti sempre per la regia di Salvatores. Questo ruolo gli dà un altro Nastro d’argento per la sua interpretazione magistrale.

Oltre al cinema, però, coltiva anche l’interesse per il cabaret e crea Colorado Cafè, il format in onda su Italia Uno che accoglie sul palco molti comici. Nelle prime edizioni ha condotto in prima persona il programma.

Per quanto riguarda la sua vita privata, è stato sposato con Rita Rabassini, da cui ha avuto la figlia Marta. Successivamente, si è legato sentimentalmente a Giulia Begnotti. È un rapporto che dura tuttora e che gli ha donato due figli: Matteo e Marco.