Donatella Rettore e la terribile lotta col cancro: “Ho avuto paura di morire”

Donatella Rettore e la paura di morire: lo straziante racconto della sua lotta contro il cancro

Donatella Rettore, colonna portante della musica italiana, ha tenuto pubblico, famiglia ed amici con il fiato sospeso. A lungo non si è saputo molto riguardo alle sue condizioni fisiche, stavolta non si parlava di contagio da Covid-19 ma di un brutto male che l’ha messa a dura prova.

Donatella Rettore

La sua lotta contro il cancro ha costretto la donna a sottoporsi a numerosi operazioni facendole temere il peggio. Oggi finalmente è la stessa Rettore a svelare l’accaduto. E decide di farlo con un tweet proprio come aveva iniziato nel mese di Marzo.

Durante questo difficile periodo Donatella Rettore ha ricevuto solidarietà e sostegno dai migliaia di fan che l’ha seguono da sempre. Al settimanale “Oggi”, la cantante ha voluto raccontare la sua esperienza con la malattia che ha dovuto combattere in concomitanza del coronavirus, donando un barlume di speranza a tutti.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Renato Zero e la relazione con l’ex conduttrice: ecco la verità dopo anni

LEGGI QUI: Achille Lauro e Federico, somiglianza incredibile e legame speciale: ecco chi è

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Gianna, moglie del rocker italiano Piero Pelù: ecco chi è e cosa fa

Donatella Rettore: i dettagli

Donatella Rettore

La Rettore oggi sta meglio e riesce a raccontare l’accaduto: “Sulle prime ho avuto paura, non sapevo se ne sarei uscita viva. Sia la prima volta, quando mi hanno detto ‘Dobbiamo togliere un sassolino dal seno’, sia la seconda quando mi hanno spiegato che dovevo fare un altro intervento perché il tumore era maligno e c’era il rischio di sviluppare metastasi“.

Fortuna che non sono un tipo da piagnistei.”  ha aggiunto Donatella. Ha ancora i punti e si sente debole, ma il peggio sembra essere passato per la cantante che da sempre è considerata una leonessa e che neanche questa volta si è smentita.

E mentre il mondo intero entrava nella quarantena obbligatoria lei tirava le somme della sua lotta, e cercava di rialzarsi. “Non mi lamento della quarantena. Sono stata in ospedale quando già c’era l’epidemia e vi assicuro che essere a casa con i nostri cari è un gran lusso. Sembrava di stare in un lager, un’atmosfera da paura.

Ma poi una luce in fondo al tunnel mostra la donna ancora commossa, il pensiero va a tutto quell’amore e sostegno che i fan le hanno regalato: “È stato meraviglioso sentirsi circondata da così tanto affetto, mi ha dato forza. Questo virus ha rimesso in circolo sentimenti ed emozioni che avevamo trascurato.