Mara Venier, l’addio che l’ha distrutta: “Un vuoto che non si colmerà mai”

Mara Venier in un’intervista a cuore aperto parla di un evento che l’ha segnata nel profondo. Ecco di cosa si tratta.

 

Mara Venier è la Signora della Domenica. Il suo programma Domenica In ha sbaragliato la concorrenza ed è quello più seguito dagli italiani. Il marchio di fabbrica è sicuramente la spontaneità con cui la padrona di casa intervista i suoi ospiti, facendoli non solo emozionare, ma captando la loro vera natura.

Venier
Mara Venier ad un evento – Getty Images

Per quanto riguarda la sfera privata, ha avuto matrimoni naufragati e relazioni finite male, ma ha sempre cercato di mantenere un rapporto sano successivamente. Ora è legata sentimentalmente a Nicola Carraro, con il quale si è sposata.

Ma vediamo nel dettaglio ciò che ha detto a proposito del suo passato e di come alcuni eventi della sua vita l’abbiamo irrimediabilmente resa una persona diversa.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —> Mara Venier e l’incubo senza fine: come sta dopo l’ennesimo ritorno in ospedale

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —> Mara Venier, il pesante dramma che l’ha massacrata: “Dei neuroni che si stavano spegnendo”

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —> Mara Venier, volano “parolacce” con il marito: “Sei un…” | Il video a tradimento

Mara Venier racconta un evento che l’ha distrutta: ecco a chi ha dovuto dire addio

Venier e Carraro
Mara Venier e suo marito Nicola Carraro – Getty Images

In un’intervista fatta a Oggi la conduttrice veneta ripercorre un po’ la sua vita parlando di come l’esperienza della maternità l’abbia cambiata, ma che al contempo ora soffra un sacco la perdita di sua madre, scomparsa dopo anni di malattia.

“Elisabetta è nata quando non avevo ancora esaurito il ruolo di figlia, e figlia sono rimasta per tutta la vita. La morte di mia madre mi ha lasciato un vuoto che non si colmerà mai. L’amore materno me l’hanno insegnato Elisabetta e Paolo. E io ho avuto i sensi di colpa e i limiti di tutte le donne prese dal lavoro. Sarei stata una madre perfetta per il figlio che aspettavo da Renzo Arbore: avevo quarant’anni, non dovevo lottare più per la sopravvivenza, stavo per realizzare tutti i miei sogni. Perdere il bambino è stato un altro dolore immenso, che però mi ha rivoluzionato la vita” ha sostenuto.

Elisabetta Ferracini e Paolo Capponi sono nati da due relazioni diverse. Tuttavia, ci sono degli episodi che hanno cambiato il corso della sua vita, oltre alle gioie della maternità, come la perdita di un figlio e della madre, a cui Mara Venier ha dedicato la stesura del suo libro “Mamma, ti ricordi di me?”.