Lino Guanciale, il particolare disturbo che non gli dà pace: “Sono pieno…”

Lino Guanciale confessa il disturbo che lo perseguita continuamente. Andiamo a scoprire di cosa si tratta e in che modo affronta la situazione. 

Per molte donne è un sex simbol, mentre per altre è visto come l’uomo della porta accanto. Si parla di Lino Guanciale che, anche nei giorni in cui deve recitare, soffre di un disturbo davvero fastidioso. Ormai ci ha fatto l’abitudine e, per raggirare la problematica, ha sviluppato dei metodi molto particolari.

 

Lino Guanciale sorridente
Lino Guanciale in posa al ‘Roma Film Fest’ (GettyImages)

Oggi, il ragazzo è un’attore affermato, molto famoso specialmente per la serie della Rai molto seguita ‘Non dirlo al mio capo’. Qui interpreta il famoso avvocato Vinci, da cui ha preso spunto anche per alcuni gesti svolti di tanto in tanto. La sua carriera gli ha procurato molti riconoscimenti, tra cui il nastro d’argente nel 2018, ricevuto come miglior attore protagonista nel film ‘Il regalo di Alice’.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Sabrina Paravicini, dopo il cancro lotta per il figlio malato: ecco come sta oggi

LEGGI QUI: Jasmine Carrisi e il disturbo fisico nascosto: i fan lo notano

APPROFONDISCI ANCHE: Elisa Isoardi e la paura vissuta per il cancro: da lacrime

 

I dettagli del disturbo che perseguita Lino Guanciale

Lino Guanciale a Roma
Lino Guanciale in posa per alcuni scatti fotografici (GettyImages)

Di recente l’attore ha rilasciato alcune dichiarazioni, parlando di alcuni dettagli della vita personale, anche un po’ imbarazzanti. In effetti, Lino Guanciale ha affermato di soffrire di un disturbo, in particolare, che lo tormenta di continuo. “Sono pieno di tic”, ha detto senza peli sulla lingua. ” Spesso, schiocco le dita più volte, proprio come faceva l’avvocato Vinci”, ha poi detto ironicamente.

“Quando sono nervoso, a volte, devo compiere alcuni gesti di numero pari”, ha rivelato l’attore. Questo è anche sintomo di una serie di scaramanzie particolari, come ad esempio quella di ripetere alcune parole, più volte, prima di entrare in scena.