Elena Sofia Ricci, il dramma terribile subìto da bambina: “Sono stata abusata”

Elena Sofia Ricci racconta una esperienza orribile davanti alle telecamere, ammettendo di essere stata abusata da bambina. Vediamo cos’ha detto.

Una situazione che nessuno vorrebbe affrontare nel suo percorso di vita, ma che purtroppo capita e come, specie quando ci si ritrova in tenera età. Elena Sofia Ricci ha avuto il coraggio di parlare davanti alle telecamere dicendo: “sono stata abusata da bambina”. Quella che ha vissuto è un’esperienza che le ha segnato tutta la sua vita, ma non per questo ha smesso di lottare per diventare una donna di successo e ci è riuscita a mani basse.

La sua carriera nasce in Toscana, dove la giovane attrice di teatro inizia a muovere i primi passi nella città che l’ha vista nascere e crescere: Firenze. Inizia poi la sua strada nel mondo del cinema dove, con il film ‘Impiegati’, si fa notare da Pupi Avati.

Di lì in poi, la serie di premiazioni come miglior attrice rivelazione, con il ‘Globo’ consegnatole, e come miglior attrice protagonista e non, con ben tre ‘David di Donatello’, hanno ornato il suo favoloso percorso formativo.

 

Elena Sofia Ricci in posa per i fotografi
Elena Sofia Ricci durante la premiazione del ‘David di Donatello’ (GettyImages)

 

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Marco Columbro e i disastrosi problemi economici: la verità su come sta oggi

LEGGI QUI: Tina Cipollari, vittima di una malattia che le ha condizionato la vita

APPROFONDISCI ANCHE: Giulia De Lellis, temperatura alta e fan preoccupati: ecco costa sta succedendo

Le parole di Elena Sofia Ricci in merito a quando è stata abusata da bambina

Elena Sofia Ricci in posa al 'Venezia film fest'
Elena Sofia Ricci sul red carpet del ‘Venezia Film Fest’ (GettyImages)

Quello che la famosa attrice italiana ha confessato ha dello sconvolgente ed è una problematica che va affrontata con le ‘pinze’ e presa di petto giuridicamente. infatti, Elena Sofia Ricci ha parlato di quando da bambina è stata abusata da una persona adulta, vicina alla sua famiglia e di come si debbano punire di più certe situazioni.

Il problema più grande è stato quello dell’omertà, fatta per via di un’ingenuità fanciullesca dovuta all’innocenza della tenera età. L’attrice, appena dodicenne quando è successo l’abominevole fatto, infatti non è riuscita a parlare a nessuno dell’accaduto, ma si è liberata di questo peso intorno ai 20 anni, quando si è confidata con il suo fidanzatino. Più in avanti con l’età ne ha parlato poi anche con gli amici stretti, fino a dirlo anche al padre.

Fortunatamente, la sua forza di volontà l’ha tirata fuori da quel brutto pensiero inerente all’atroce fatto che le è accaduto ed è riuscita a diventare una donna famosa, amata e professionalmente ricercata. Si può ergere ad emblema della lotta a questi abusi sessuali, i quali possono essere superati specialmente con la forza di volontà e denunciando.