Ve lo ricordate Luca Jurman? Da insegnante di ‘Amici’ alla sparizione, ecco che fine ha fatto

Luca Jurman è ancora in auge nel mondo dello spettacolo, anche se nel tempo il suo ruolo è cambiato. Vediamo di cosa si tratta. 

Un primo piano di Luca Jurman
Il vocal coach Luca Jurman in primo piano (WebSource)

L’ex collaboratore di ‘Amici’ di Maria De Filippi non è uscito fuori dalla scena dello spettacolo. In effetti, Luca Jurman prosegue nelle sue attività inerenti al mondo della musica, ma lo fa con un ruolo diverso. 

Il lavoro dell’artista non è finito dopo l’affiancamento a grandi cantanti, come Jovanotti o Andrea Bocelli, ma prosegue con una serie di iniziative messe in mostra nel programma  “Lasciatemi cantare”. Dal 2007 al 2011 ha collaborato a stretto contratto con la moglie di Maurizio Costanzo, per poi dedicarsi anche al cinema e al teatro, ma più nel backstage.

Oggi prosegue la sua attività di insegnante come vocal coach e sa bene quanto quest’attività l’abbia reso noto al pubblico. Ha agito come spinta alla crescita di importanti voci nel panorama musicale italiano, rendendoli dei veri e propri professionisti.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Marco Columbro e i disastrosi problemi economici: la verità su come sta oggi

LEGGI QUI: Alba Parietti e la sua dipendenza mai svelata: Ecco come mi sono liberata

APPROFONDISCI ANCHE: Federica Panicucci e quel ricordo indimenticabile a Carramba: spunta la foto

Cosa ha dichiarato Luca Jurman di recente

Marco Carta fotografato mentre canta su un palco
Il cantante Marco Carta fotografato con un microfono in mano (GettyImages)

Le parole del famoso vocal coach mettono in luce alcuni suoi rapporti, anche con i vecchi discepoli. Infatti, Luca Jurman parla di Alessandra Amoroso, di Marco Carta e di Valerio Scanu, ma lo fa con un filo di rammarico.

“Non li ho più visti ne sentiti e sicuramente succederà così anche in futuro”, lascia intendere l’insegnante. “Non so proprio cosa possa essere successo, ma non mi interessa affatto”, dice con un po’ di rancore. ”

“Certo non si può trasformare quello che ho fatto per amore in una serie di fazioni inerenti al mondo della musica”, contesta senza freni. “Quando ho seguito Marco Carta hanno anche affermato che ho rovinato la musica italiana”, conclude senza fermarsi alle accuse ricevute.