Max Biaggi contro il collega: “… Non mi saluta quando mi incontra”: ecco tutta la verità

Seppur a distanza di molti anni dal suo ritiro dalle competizioni, la rivalità di Max Biaggi continua a farsi sentire. Il pilota romano dice la verità.

Max Biaggi spiega il suo “burrascoso” rapporto con il collega Valentino Rossi

Nella sua vita sportiva ha tagliato migliaia di traguardi a bordo delle sue moto, spesso in maniera vincente e davanti a tutti. Oggi Max Biaggi ha varcato un’altra linea, quella dei 50 anni ed ha ripercorso le tappe più importanti non senza entrare in quella che sembra essere una storia infinita: la sua rivalità con Valentino Rossi.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Max Biaggi (@maxbiaggiofficial)

Max Biaggi contro il collega: non mi saluta

Nonostante da anni abbiano preso strade diverse, la diatriba con Valentino Rossi non si placa e tra i due piloti storici italiani continua a non correre buon sangue.  Per Max Biaggi le responsabilità sono da attribuire esclusivamente al campione nativo di Urbino: “La rivalità vera gli atleti ce l’hanno quando si confrontano nella stessa gara, noi correvamo in categoria differenti e lui la alimentava in maniera esponenziale”.

Le ultime battaglie in pista sono terminate ormai da un pezzo, eppure il gelo tra i due continua: “Quando ci vediamo io lo saluterei anche, ma è lui che non saluta me”.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Max Biaggi (@maxbiaggiofficial)

Max Biaggi e l’incidente in cui ha rischiato la vita

Il pilota romano, che ha vinto sei campionati mondiali, quattro nella categoria 250 nel Motomondiale e due nella Superbike, ha raccontato al Corriere anche quella volta che ha rischiato di morire a causa di un incidente in pista: “Quando mi svegliai il primario mi disse che avevo il 20% di sopravvivere, quando me ne sono reso conto ho visto il film della mia vita, ho pensato a Schumacher e Hayden. Lì ho capito che ero fatto di carne e ossa, ma tornai comunque in pista e feci il record di velocità”.

Leggi qui: Max Biaggi e la separazione con Eleonora Pedron: tutta la verità dopo anni

Leggi qui: Max Biaggi e la dedica struggente: “Sono passati anni…”

Enzo Ferrari diceva che quando nascono i figli corriamo un secondo meno, ma avendo vinto due Mondiali da padre ho scoperto che non è vero, semmai ho paura che cada l’aereo”.

Una vita a grande velocità per Max Biaggi che continuerà anche nei prossimi anni, nelle vesti di manager di scuderia.