Vittorio Sgarbi e la dichiarazione che lascia senza parole: Lo faccio sette otto volte al giorno

Vittorio Sgarbi ha parlato di una situazione veramente particolare in cui si trova al momento. Ecco come sta ora, e i dettagli della vicenda

Vittorio Sgarbi sorride
Curiosità del pittore e opinionista (foto web)

Vittorio Sgarbi, classe 1952, è un critico d’arte, storico dell’arte, personaggio e opinionista italiano ed è stato più volte membro al parlamento italiano e sindaco di Salemi, Sutri e San Severino Marche. Dopo essersi diplomato con 58/60 al liceo, egli si iscrive all’università laureandosi con il massimo dei voti alla facoltà di Filosofia, dove ha  poi conseguito il perfezionamento in Storia dell’arte. Successivamente è diventato docente alla facoltà di Udine.

Nonostante sia celibe ha riconosciuto due figli e in merito a questa vicenda ha dichiarato: “Sono contrario alla paternità. Quella del padre non è una categoria a cui ritengo di dover appartenere. Ciò detto sono anche contrario all’aborto. Ci sono donne che hanno voluto figli da me, non io da loro perché non può esserci l’obbligo di diventare padre”. Spesso con il suo modo di fare, in televisione e negli show a cui ha partecipato è sempre stato uno che di certo “non le manda a dire”, infatti egli conta all’incirca 40 episodi di invettive pubbliche e relative ripercussioni civili e penali a proprio carico, quasi tutte contro altri personaggi del mondo dello spettacolo.

Vittorio Sgarbi aveva il desiderio di diventare sindaco di Roma, e infatti aveva pensato di candidarsi ritirando la sua candidatura al termine dell’incontro del centrodestra a Montecitorio affermando: “Ho parlato con la Matone che ha capito che la sua storia le consente di avere un ruolo molto importante al fianco di un candidato più ruspante. Io ha dato la mia disponibilità, ritirando la mia candidatura, a fare l’Assessore alla Cultura dove non temo rivali. Roma deve essere il luogo dove tutto accade, occorre puntare sula Cultura. Sarà Michetti a indicare la persona giusta. Sono soddisfatto, c’è stata unità assoluta. L’idea di questa pazza della Raggi di fare uno stadio con i grattacieli basterebbe per renderla inabile di fare il sindaco, è incapace di intendere e di volere”.

Per quanto riguarda la sua vita privata, Vittorio è stato visto con la modella vincitrice di Miss Europa Francesca Pepe, 40 anni più giovane di lui, ma oggi la sua compagna ufficiale è Sabrina Colle tanto che lei stessa ha dichiarato: “Per me il tradimento sessuale non è importante, sono ventidue anni che ripeto la stessa cosa […] Vittorio non è geloso perché pensa che dopo di lui non ci possa essere più nessuno”. 

Sgarbi ha dovuto affrontare una brutta malattia che lo ha colpito, ma con la sua forza di volontà è riuscito a superarla.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da VITTORIO SGARBI (@vittoriosgarbi)

LEGGI QUI>Alba Sgarbi, la figlia “non riconosciuta” in principio di Vittorio Sgarbi: Ecco chi è

LEGGI QUI>Vittorio Sgarbi e l’incidente in montagna: non è il suo sport – VIDEO

Vittorio Sgarbi e la malattia che lo ha colpito

Vittorio bianco e nero
Come sta oggi dopo la malattia (foto web)

Oltre aver contratto il covid-19 durante il periodo di pandemia egli aveva parlato di aver un cancro e in un’intervista affermò: “Ho fatto delle analisi per la prostata. Ho un problema, cerchiamo di resistere. C’è un ingrossamento, c’è qualcosa che stanno analizzando. Non ho avuto metastasi di nessun tipo e la cosa è circoscritta. Cerchiamo di salvare l’erezione, sono abbastanza seguito”- ha aggiunto- “Per ora l’attività urinaria e di erezione è regolare. L’unica cosa che ho da qualche anno è che cago sette, otto volte al giorno. E non ho mai trovato il modo di mitigare questa cosa, il che va bene perché ti liberi dalla merda. Ma è l’unica condizione di limitazione alla mia libertà assoluta”. 

Vittorio ha sconfitto quella sua brutta malattia e con un post lungo su Facebook ha annunciato la conclusione: “È stata dura, ma alla fine è andato tutto bene“, in quanto le cure hanno avuto effetto e le sue condizioni salute sono risultate per lo più stabili.

Egli ha continuato ringraziando chi per lui ha fatto molto: “Ringrazio quanti si sono presi cura di me (non faccio nomi perché l’elenco sarebbe lungo) e in particolare i medici e gli infermieri del reparto di Oncologia dell’ospedale Regina Elena di Roma” e soprattutto chi ogni giorno fa i conti con “Sgarbi”, l’uomo che non le manda di certo a dire.