Nuova bufera sui Maneskin: pesanti accuse alla band romana

Non si placano le polemiche attorno alla rock band romana dei Maneskin che torna a far parlare di sé per aspetti controversi.

Dopo i sospetti e le accuse, risultate infondate, di consumo di droga in diretta tv da parte dei Damiano David all’Eurovision, arriva la “grana” plagio per il brano che ha vinto la competizione dello scorso 22 Maggio a Rotterdam.

A puntare il dito contro il quartetto, reo di aver “rubato” parte del brano, è Joris Lissens, membro del gruppo The Vendettas che ha dichiarato ai media olandesi Rtl che la canzone “Zitti e Buoni”, che ha trionfato prima a Sanremo e poi a Rotterdam, gli avrebbe ricordato alcuni suoni della sua hit “You want it, you’ve got it“.

 

Chi sono i The Vendettas

The Vendettas sono un gruppo olandese. La band fa parte della scena rock da più di 30 anni, conosciuta soprattutto in patria, per i loro toni distintivi e le melodie vocali e una chiara influenza di tutti i grandi di questo genere (Stone Temple Pilots / Black Crowes / ‘Exile On Main St’) nella loro musica.

La band non intraprenderà però alcuna azione contro i vincitori dell’Eurovision. “Questi ragazzi non sono nati quando avevamo questa rock band”, ha ammesso il cantante, concedendo agli italiani il beneficio del dubbio. Il sito Rtl, anche quello nella versione francese che ha ripreso la notizia, ha invitato i lettori a farsi una idea sull’eventuale plagio mettendo a confronto i due brani.

Il brano You want it, you’ve got it

E’ subito partita la caccia al brano da parte degli esperti i musica, secondo i quali, l’unica parte dove effettivamente le due canzoni si assomigliano molto è quella del riff di chitarra che caratterizza l’intro.

Ecco il confronto con il brano “zitti e buoni” dei Maneskin

Lasciamo al lettore di Kronic.it la facoltà di sentenziare se effettivamente il plagio c’è oppure se si sia trattata dell’ennesima trovata pubblicitaria di chi vuole sfruttare la fama della band europea del momento per tornare in auge.

Leggi anche: Emma e la frecciatina ai Maneskin: “..evidente che c’è sessismo”