Ricordate Raffaella Bergè: da attrice di Cento Vetrine agli arresti domiciliari | ecco che fine ha fatto

Ricordate Raffaella Bergè? L’attrice, famosa per il suo ruolo in ‘CentoVetrine’, ha di fatto cambiato radicalmente vita

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Raffaella Bergé (@raffaellaberge)

Ci sono fiction che all’interno del panorama televisivo italiano ha avuto un grande successo nel corso degli anni. Alcune diventate realmente iconiche, in grado di catturare l’attenzione del pubblico su larga scala e tenere i telespettatori incollati al grande schermo. Da Rai a Mediaset, quello delle fiction è un mercato che ancora oggi riserva grandi sorprende, anche se le serie tv delle piattaforme streaming stanno continuando ad avere largo consenso.

Da questi prodotti hanno trovato la notorietà anche tanti attori, passasti dal successo del piccolo schermo anche a quello del grande schermo, trovando spazio anche nel mondo del cinema. Tra questi c’è di sicuro Raffaella Bergè, protagonista indiscussa della fiction ‘CentroVetrine‘, all’interno della quale interpretava il ruolo di Marina Kroeger.

Una bellezza mozzafiato, quello della Bergè, che va a fondersi con grandi competenze attoriali che le hanno permesso, anche grazie al ruolo di ‘CentoVetrine’, di cimentarsi anche con il Cinema.

Raffaella Bergè, ‘CentoVetrine’ ma non solo

Il percorso della Bergè, dunque, non l’ha vista protagonista soltanto in ‘CentoVetrine’. Da ‘La squadra’ a ‘Vivere‘, passando poi per altri prodotto televisivi come ‘Il capitano’ o ‘Provaci ancora prof!’, questi ultimi due sulle reti Rai.

E poi, come detto, il cinema. Raffaella ha partecipato a diverse pellicole, da ‘Natale a Miami’ di Neri Parenti a ‘Dalla parte giusta’ per la regia di Sergio Leoni. Insomma, una carriera trasversale che ha subito, per un periodo, una brusca frenata per motivi tutt’altro che artistici.

La Bergè e gli arresti domiciliari

Un’esperienza molto particolare, quella vissuta dall’attrice qualche anno fa. Nel 2013, infatti, la Bergè fu accusata di riciclaggio di denaro avendo compiuto “operazioni atte a ostacolare l’identificazione della provenienza delittuosa” di un assegno circolare di 200mila euro, come fu reso noto dall’ordinanza di custodia cautelare firmata dal Giudice per le indagini preliminari Simonetta D’Alessandro. L’attrice venne poi rilasciata il 9 maggio.

Raffaella Bigonzi, il nome all’anagrafe dell’attrice, nel marzo 2016 fu poi rinviata a giudizio dal Tribunale di Roma, insieme al marito Mario Calcagni e altre persone, per reati di associazione a delinquere finalizzata alla corruzione, falso e abuso d’ufficio. Il tutto legato ad un’inchiesta su presunte false attestazioni e certificazioni rilasciate dalla società Axsoa, della quale proprio il marito Calcagni era amministratore.

Leggi qui -> Diana del Bufalo, dopo la fine con Paolo Ruffini la dichiarazione: “Esistono ancora uomini che”

Leggi qui -> Ricordate Margherita Zanatta, ex gieffina ed ex di Andrea Cocco? Ecco che fine ha fatto

Raffaella come sta oggi

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Raffaella Bergé (@raffaellaberge)

Di quella particolare situazione giudiziaria non si è saputo praticamente più nulla. Al di là di questo, però, i problemi almeno apparentemente sembrano superati. Su Instagram la Bergè ha un suo profilo, che sembra appunto “ufficiale”, dove riportate nella bio “ex attrice e Counsellor socio educativo. Mamma di 3 meravigliosi figli”. Un cambio di vita netto per la donna, che appare sorridente e serena sui social.