L’attore Giulio Berruti e la sua malattia cronica: “Ci soffro da 12 anni e le ho provate tutte..”

Giulio Berruti, attore romano dagli occhi blu, fidanzato dell’onorevole Maria Elena Boschi, seppur un uomo sportivo, patito di boxe, da anni soffre di una malattia cronica

Giulio Berruti
Giulio Berruti

Giulio è nato a Roma il 27 Settembre 1984, sotto il segno della Bilancia. Il bellissimo attore dai profondi occhi blu è alto un metro e novanta e possiede alcuni tatuaggi sulle braccia. I suoi genitori sono conosciuti all’interno della capitale. Il padre infatti, Giuseppe Berruti di Moncalvo è un celebre chirurgo oculista, mentre la madre, Francesca Romana Reggiani, è un famoso avvocato, che ha ottenuto addirittura nel 2015 il titolo di “Commendatore Ordine al Merito della Repubblica Italiana”.

La carriera da attore non è stato inizialmente il progetto di vita principale di Giulio. L’uomo infatti, dopo essersi diplomato al Liceo Scientifico, ha deciso di intraprendere lo stesso percorso del padre. Si è iscritto all’Università Tor Vergata, laureandosi nel 2010 in Odontoiatria e Protesi Dentaria, e specializzandosi in Ortodonzia successivamente.

La passione per il mondo dello spettacolo, che Giulio ha coltivato sin dalla tenera età, ha però preso il sopravvento. L’uomo, che ha esordito con qualche apparizione sulle passerelle, ha conquistato il pubblico, ottenendo alcuni posti come attore. In poco tempo Giulio è riuscito a prendere parte al cast di numerosi film e serie tv, diventando sempre più celebre nel panorama televisivo italiano.

LEGGI QUI>>> Giulio Berrutti e Maria Elena Boschi, una foto cambia tutto: tradimento confermato?

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da GIULIO BERRUTI (@giulioberruti)

Come attore comincia da piccoli ruoli, interpreta il ruolo di Roberto nel film Melissa P. (2005), regia di Luca Guadagnino. In seguito ha un cameo nel film Scrivilo sui muri, con Primo Reggiani e Cristiana Capotondi. Nel 2006 interpreta il ruolo di Thomas nella miniserie tv La freccia nera. Tuttavia la notorietà e il successo arrivano nel 2007 grazie alla serie La figlia di Elisa – Ritorno a Rivombrosa, dove interpreta il ruolo del protagonista, il marchese Andrea Van Necker.

Nel 2018 Giulio ha addirittura pubblicato un libro, Nutshell, che ha riscosso un discreto successo.

La vita privata

Giulio Berruti non è sempre stato spigliato e determinato come appare oggi al pubblico. In passato infatti ha raccontato di essere stato un ragazzo molo timido. La boxe però è riuscita ad aiutarlo a formarsi caratterialmente e a superare i suoi ostacoli.

È stato legato prima all’attrice Anna Safroncik, in seguito all’attrice Marianna Di Martino, dal 2014 a Maria Sole De Angelis e dal 2017 all’attrice Francesca Kirchmair. Attualmente è legato alla politica Maria Elena Boschi.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da MEB (@mariaelenaboschi_official)

LEGGI QUI>>> Antonio Cupo, l’attore del cast di Elisa di Rivombrosa: Ecco com’è diventato

LEGGI QUI>>> Jane Alexander, la “cattiva” di Elisa di Rivombrosa e la sua distruttiva dipendenza: Mi riportavano a casa

L’onorevole a Verissimo parla di Giulio: “Il desiderio di avere dei figli c’è da sempre, accanto a Giulio viene naturale pensarci. Mi piacerebbe sposarmi, ma bisogna essere in due. In ogni caso credo che l’importante sia avere accanto una persona che, comunque sia, rappresenti casa per te”.

Giulio Berruti e la lotta alla malattia

Il bell’attore italiano Giulio Berruti ha svelato di soffrire di una malattia che lo tormenta da anni. La sua è una fibromialgia cronica: una condizione con cui deve convivere e che gli provoca dolore, stanchezza ingiustificate e rigidità muscolare che potrebbero anche sfociare in ansia, depressione e stress.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da GIULIO BERRUTI (@giulioberruti)

Fortunatamente chi soffre di fibromialgia può curarsi con alcuni farmaci e con alcuni trattamenti riabilitativi specifici, che aiutano a migliorare il tono muscolare e ridurre la percezione del dolore. Ma, come ha raccontato l’attore, la condizione di disagio forte che gli ha portato questa patologia non è di poco conto, soprattutto perchè per anni e anni i dottori non capivano cosa avesse il ragazzo e spesso sottovalutavano i suoi dubbi e i suoi problemi fisici, prendendolo per pazzo.

Quella che in gergo chiamano malattia “fantasma”, perché viene diagnosticata con difficoltà, affligge in realtà ben 2 milioni di italiani e pochi giorni fa Giulio Berruti ha voluto condividere con i suoi fans alcuni rimedi che gli danno sollievo: “Il metodo si chiama Wim Hof – ha detto nelle sue storie – Lo trovate su Google. Acqua fredda del rubinetto, ci buttiamo dentro. 10 minuti al giorno, tutti i giorni, vi passa la fibromalgia. Provateci, ve lo assicuro. Ci soffro da 12 anni e le ho provate tutte, questa cosa funziona. Chi ne soffre sa di cosa parlo”.