In Europa è paura per Astrazeneca, mentre gli USA ripartono con Biden

Negli Stati Uniti la campagna vaccinale prosegue senza sosta, ma in Europa la situazione sembra stagnata. Facciamo il punto della situazione.

Joe Biden
Joe Biden Fonte: Instagram @joebiden

Il Presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, sta proseguendo spedito la campagna di vaccinazioni nel suo paese mantenendo fede alla sua promessa elettorale. Infatti, è notizia di pochi giorni fa che il numero di vaccinati supera quella di contagiati. Sono 31,3 milioni di persone vaccinati negli USA, circa il 18,1% della popolazione statunitense e il neo Presidente conta di avere tutti vaccinati entro il Primo Maggio 2021.

Un risultato storico, soprattutto se si pensa che gli Stati Uniti sono sempre stati al primo posto per numero di nuovi contagi al mondo, ovviamente in rapporto all’alta densità demografica. Ogni giorno si vaccinano all’incirca 2,2 milioni di persone in USA, che fa ben sperare a un ritorno alla normalità a breve termine.

Europa: ritardi nella campagna vaccinale, cosa non funziona?

bandiera Ue
Bandiera Ue (getty images)

Se dall’altra parte del mondo arrivano notizie incoraggianti, lo stesso non si può dire per il continente europeo. I vaccini attualmente approvati dall’EMA sono Pfizer – Biontech, Moderna e il discusso Astrazeneca. Gli Stati Uniti hanno creato i primi due, mentre il Regno Unito grazie all’Università di Oxford ha finanziato l’ultimo.

In Europa detiene il primato della campagna vaccini la Germania, con 8 milioni di persone vaccinate. L’Italia detiene il secondo posto con 6 milioni di somministrazioni. Al terzo posto c’è la Francia, segue Spagna e Polonia.

A destare scalpore è il blocco del lotto del vaccino Astrazeneca che inevitabilmente causerà ritardi. In Italia questo vaccino si somministra al personale scolastico e alle forze dell’ordine. E proprio la morte di un militare in Sicilia dopo la ricezione della dose di vaccino ha fatto scattare l’allarme. Ieri la notizia che la Danimarca insieme a Norvegia e Islanda hanno avviato delle indagini sul vaccino made in UK ha fatto il giro del mondo in poco tempo. Si dovranno esaminare le possibili correlazioni tra pazienti vaccinati e l’insorgere di trombosi e coaguli di sangue. Per questo anche in questi tre paesi europei Astrazeneca è stato bloccato.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —> Astrazeneca sospeso in Danimarca, prime misure anche in Italia

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —> Vaccino, svolta in Danimarca: sospeso Astrazeneca

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —> Astrazeneca, affiorano già i primi dubbi sull’efficacia del vaccino

Vaccini Johnson & Johnson anti Covid-19 approvato: cosa cambia

somministrazione vaccino
Somministrazione del vaccino anti-Covid (getty images)

Da ieri sia in Europa che negli Stati Uniti c’è una nuova arma per sconfiggere il Coronavirus. Infatti, l’EMA e dalla Comunità Scientifica USA hanno approvato il nuovo vaccino della casa farmaceutica Johnson & Johnson. Si tratta indubbiamente di un’ottima alternativa al vaccino Astrazeneca che sta suscitando forti polemiche.

In Europa la somministrazione inizierà a metà Aprile. Negli Stati Uniti il Presidente Biden ha annunciato l’acquisto di 100 milioni di dosi. Ha anche aggiunto che, se avanzeranno, si condivideranno con il resto del mondo, ma la priorità restano i cittadini statunitensi.