Che fine ha fatto la delega allo Sport? Berlusconi strizza l’occhio a Draghi

La posizione di Ministro dello Sport nel nuovo Governo di Mario Draghi ancora non ha trovato un nome. Pressing da parte di Silvio Berlusconi.

berlusconi (getty images)
berlusconi (getty images)

In questo nuovo Governo formato da Mario Draghi c’è una delega ancora vacante. Stiamo parlando della posizione di Ministro dello Sport. Questa carica ha sempre avuto un riconoscimento importante, spesso accompagnato da altri ministeri, come nel caso del Governo Prodi-bis quando Giovanna Melandri era Ministro delle Politiche Giovanili e dello Sport, nel Governo Letta, Josefa Idem e dopo Graziano Del Rio incaricati di occuparsi del Ministero delle Pari Opportunità, Sport e Politiche Giovanili.

Persino nel precedente Governo tecnico guidato da Mario Monti questa posizione è stata assegnata a Piero Gnudi, insieme al Ministero del Turismo e degli Affari Generali. Durante il Governo di Renzi, invece, per la prima volta l’incarico riguardava solo il Ministero dello Sport. A coprire questa carica fu Luca Lotti. Successivamente, col Governo di Giuseppe Conte il Ministero è stato affidato a Vincenzo Spadafora che ha mantenuto l’incarico anche durante il periodo del Covid-19.

Ministro dello Sport nel Governo di Draghi: Berlusconi avanza candidature

Berlusconi (GettyImages) (1)
Berlusconi (GettyImages) (1)

In questo periodo in cui la carica di Ministro dello Sport non è stata ancora assegnata, Silvio Berlusconi si fa avanti e chiede che questo Ministero sia “suo”. Il suo desiderio, infatti, è quello di metterci una persona da lui scelta. Le ipotesi al momento sono Marco Marin, ex schermidore, e Paolo Barelli, ex nuotatore.

L’ex Ministro Spadafora considera questo posto vacante vergognoso, in quanto ci sono molte società sportive che stanno aspettando sussidi. Il settore dilettantistico in questo momento storico sta attraversando una profonda crisi, per questo c’è bisogno di una figura di riferimento per dare nuovi contributi al mondo sportivo.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —> Berlusconi convinto: “Ecco chi vincerà le prossime elezioni”

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —> Draghi Premier, ma Berlusconi è il re delle consultazioni

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —> Paola Turci sola soletta al mare. È finita con l’ex di Silvio Berlusconi

Berlusconi: il suo passato per promuovere lo sport

berlusconi (getty images)
berlusconi (getty images)

Il Cavaliere di Arcore, Silvio Berlusconi, in questi anni si è distinto per il contributo che lui e le sue società hanno dato al mondo dello sport. Per questo motivo, sembra essere la figura ideale per occuparsi del Ministero dello Sport. La carriera di Berlusconi nel campo sportivo parla da sé.

Proprietario del A.C. Milan dal 1986 fino al 2017, durante il quale il Milan ha vinto otto campionati nazionali, una Coppa Italia, sette Supercoppe italiane, cinque UEFA Champions League, due Coppe Intercontinentali, cinque Supercoppe UEFA e una Coppa del Mondo per club FIFA.

Negli anni 90 Berlusconi aveva creato una vera e propria società polisportiva che includeva hockey, baseball, rugby e pallavolo, che ebbe vita breve sciogliendosi nel 1994. Dal 2018 è il Presidente del Monza, il club di calcio che milita nella Serie C, che nel 2020 ha ottenuto la promozione in Serie B.