Si chiama Penguins Love To Rock, ed è un progetto tutto nuovo che nasce dalle ceneri di Kronic. Visita, commenta, partecipa!
username: password: Registrazione
Condividi

Midlakeinserisci questo disco tra i tuoi preferiti

The Courage Of Others

di Michele Segala ~ 01/02/2010
Un passo falso dopo il sorprendente secondo album

Da qualche parte tra Jethro Tull, Genesis (quelli più bucolici di Selling England By The Pound), ed i Radiohead, i texani Midlake hanno più di un numero per tirare fuori un mix peculiare da questi ascolti. Eppure, anche se la musica che suonano è tutt’altro che ovvia, non si riesce a non arrivare alla fine di questo loro terzo album con una certa stanchezza: sarà quel cantato che sembra intenzionato ad allungare la sillaba finale di ogni verso (non si sa perché o come, ma pare quasi che Tim Smith in questi due anni sia andato a lezioni di canto da Rufus Wainwright), sarà il suono sempre pulito, sarà che (a differenza del precedente e ben più movimentato The Trials of Van Occupanther) non sembra esserci una singola canzone a spiccare nel lotto, ma questo The Courage Of Others prorio non convince.

L’impressione anzi che se ne trae, a voler essere duri, è che i Midlake abbiano lavorato di cesello su un gruppo di canzoni dal livello di scrittura non entusiasmante, arricchendole vieppiù (la registrazione è stata un processo più lento e studiato rispetto all’attitudine quasi live del precedente lavoro), senza peraltro mai accorgersi che in tutta la scaletta i cambi di ritmo (tra una canzone e l’altra) sono ben pochi, e che ogni attacco di Smith sembra uguale al precedente… Come dire: la dimostrazione fatta album che l’arrangiamento (per quanto curato e strutturato) non può tutto.

Rivelatorio allora, o almeno in parte, che tra le influenze che Tim Smith vorrebbe richiamare per questo disco ci sia No Other, l’album perla nella discografia di Gene Clark: un insieme di canzoni, quello, cui certo non mancava monotonia ed un’attitudine generale (per così dire) da sguardo perso nel vuoto: ritmi bassissimi, un’atmosfera cupa e quasi opprimente (solo superficialmente rallegrata da una produzione sproporzionata ­anche lì), ma sempre sostenuta da una scrittura magniloquente per intensità. Esattamente quello che manca qui.

Di recente, nello stesso genere:

Girls
Album
Jules Not Jude
Clouds of Fish
A Dog To A Rabbit
A Dog to a Rabbit
The Album Leaf
A Chorus of Storytellers

Esprimi il tuo voto:

si dice sul forum...

Aggiungi un commento:


recensioni

Midlake
The Trials Of Van Occupanther
(2006)
Creative Commons License