Si chiama Penguins Love To Rock, ed è un progetto tutto nuovo che nasce dalle ceneri di Kronic. Visita, commenta, partecipa!
username: password: Registrazione
Condividi
Doomriders - Darkness Come Alive
Labels
Deathwish / Andromeda
Generi

Doomridersinserisci questo disco tra i tuoi preferiti

Darkness Come Alive

di Nico Segantin ~ 13/01/2010
Dal buio risorge la luce

E’ inevitabile che il nome dei Doomriders sia legato a filo doppio con quello dei Converge, innanzitutto perché il cantante/ chitarrista è Nate Newton, che suona il basso nell’altra compagine, e poi perché interviene anche Kurt Ballou a donare a questo nuovo lavoro una produzione corposa e sostenuta nel suono. Tuttavia è con questa prova che i Doomriders acquistano definitivamente (serie avvisaglie erano già avvistabili nell’ esordio Black Thunder) lo status di band assolutamente indipendente da altri progetti, imponendo il proprio nome all’attenzione generale con un disco che mostra innegabili doti compositive e tecniche, generando un notevole coinvolgimento.

Il disco si presenta con 15 tracce permeate da un’attitudine sincera e partecipe che mantiene all’orizzonte influenze come Danzig (assolutamente presente nella superlativa Come Alive), gli Integrity o gli Entombed (era Shoot Straight), non dimenticando il patrimonio rock degli anni settanta e nemmeno le innegabili radici hardcore del gruppo. Ciò che ne risulta è un condensato a tratti cupo (l’accoppiata Night Lurker/Jealous God) ed a tratti esplosivo (Bear Witness) che si distingue nettamente per personalità, determinazione e positività.

Non stupisca di sentir parlare di positività poiché una delle tematiche di fondo di questo lavoro è di saper trasmettere un senso di luce a partire dai propri angoli bui, trasformando le tenebre che possono albergare nell’animo umano in qualcosa di positivo (in questo senso Darkness Come Alive) e canzoni come Lions con quel martellante “don’t let them grind you down!” ne sono un’ulteriore, incalzante, riprova.

Occorre dunque prendere atto che un nuovo gruppo si è imposto all’attenzione generale con una prova in grado di reggere una severa analisi sia dal punto di vista tematico che da quello più strettamente musicale, scrivendo a caratteri cubitali il proprio nome nel novero, oramai sempre più esiguo, dei gruppi che non siano rimasti a corto di argomenti. Go fast, play loud!  

Di recente, nello stesso genere:

Rise And Fall
Our Circle Is Vicious
Mustasch
Mustasch
Blackwood Creek
Blackwood Creek
Spin Gallery
Embrace

Esprimi il tuo voto:

si dice sul forum...

Grande album!
di C.D.F.75 il 13/01/2010 12.58.07

Aggiungi un commento:


recensioni

Doomriders
Black Thunder
(2005)

live report

Doomriders (2006)
Creative Commons License