Si chiama Penguins Love To Rock, ed è un progetto tutto nuovo che nasce dalle ceneri di Kronic. Visita, commenta, partecipa!
username: password: Registrazione
Condividi
Satellite - Fear Of Gravity
Labels
Artful / Audioglobe

Satelliteinserisci questo disco tra i tuoi preferiti

Fear Of Gravity

di Angelo Manganello ~ 17/02/2003
In orbita del pop di qualità…
Avete presente il famoso proverbio, il buongiorno si vede dal mattino? Non so voi, ma io ci credo. Ecco, “Fear Of Gravity” dei Satellite è il migliore inizio che la vostra giornata potrebbe avere, insieme a brioche e cappuccino. Questo disco è semplicemente perfetto, nel disimpegno leggero con cui John Green, mente di questa progetto, plasma la sua creatura, unendo l’indolenza capricciosa e furbetta degli Eels al gusto per gli arrangiamenti di fino del miglior Badly Drawn Boy.

Undici sono i pezzi che compongono questo debut album, e nessuno riscontra cedimento, manifestando l’incrollabile talento del giocoso Green nel manipolare a proprio piacimento soul, rock e pop british al 100%, come fossero pezzi di un lego con cui baloccarsi, arrangiamenti di archi, e beats elettronici, toni e parole caricate di pathos e vagiti di bambini, con la stessa maliziosa grazia con cui scherza con i sentimenti, le piccole gioie e carezzevoli dolori quotidiani. Uno sguardo alla vita distaccato e leggero, straordinariamente vitale e positivo (sentite quanta voglia di vivere sprigiona una canzoncina come “Ooh La La La), il che non va necessariamente a scapito della qualità delle composizioni, al contrario, ciascuna zeppa di intuizioni argute e curiose.

In fondo, Green sembra non fare altro che ribadire con forza la propria identità british, e non vi parlo a livello di sound, quello l’abbiamo già detto, ma per lo sguardo sornione e beffardo che posa sul mondo, per linguaggio un po’ stralunato con cui esprime i propri sentimenti più intimi senza piegarci al peso della loro gravità (forse questa la “Fear Of Gravity”…), per l’arroganza un po’ sbruffona con cui affronta la vita e le sue difficoltà. E per il complessivo buon gusto, composto e fine, quasi vittoriano, con cui si approccia al pop.

Se credete che buona musica ed ottimismo non appartengono alla medesima dimensione, questo è il disco perfetto per venire smentiti.

Di recente, nello stesso genere:

Jesu
Opiate Sun EP
Girls
Album
Jules Not Jude
Clouds of Fish
Vlor
Six-Winged

Esprimi il tuo voto:

si dice sul forum...

Aggiungi un commento:


Creative Commons License